sabato, Ottobre 24

Zimbabwe: le prime immagini del colpo di Stato Ma l' esercito nega, affermando che il Presidente Mugabe è 'salvo', ma agli arresti

0

Tre esplosioni sarebbero avvenute nella capitale Harare. E’ un colpo di Stato quello che in queste ore sta sconquassando lo Zimbabwe, nonostante i militari e , il partito al potere (il Zanu-pf), smentiscano e parlino piuttosto di “un cambio di potere”. Il novantatrenne presidente Robert Mugabe, insieme alla consorte Grace ed altri tre ministri – il titolare dell’Educazione Superiore Jonathan Moyo, quello delle Finanze Ignatius Chombo, e quello delle opere pubbliche, anche commissario politico dello Zanu-Pf,Saviour Kasukuwere – “sono stati arrestati, ma sono al sicuro”, è quanto si legge in un tweet dell’ account del Partito.

Le tv locali hanno mostrato soldati e carri armati a presidio dei punti strategici della capitale.
Quando di tratta di proteggere la nostra rivoluzione, l’esercito non esiterà a intervenire“,  aveva dichiarato il generale Constantino Chiwenga poche settimane fa.

L’esercito, base portante del potere di Mangagwa e di Mugabe fin dagli anni Ottanta,  fin dall’indipendenza dalla minoranza bianca conquistata negli anni Ottanta, nega il golpe. Nel video, è presente un estratto dell’ intervento trasmesso in tv di un portavoce dell’esercito che ha affermato «si sta solamente prendendo di mira i criminali che circondano lo Stato. Non appena avremo compiuto la nostra missione ci attendiamo che la situazione torni alla normalità».

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore