giovedì, Ottobre 22

Zimbabwe: chi è la first lady, Grace Mugabe Smentita l' ipotesi della fuga in Namibia della moglie del Presidente

0

Grace Mugabe, 52 anni, è la first lady dello Zimbabwe, in quanto moglie del Presidente Robert MugabeMa come inizia la sua storia? Grace nasce in Sudafrica. Il suo cognome da nubile è Ntombizodwa.  Molto giovane, diviene segretaria dattilografa negli uffici del governo. In questo ruolo, conosce Bob, di ben  44 anni più vecchio di lei. Dopo aver divorziato dalla prima moglie Sally, Robert Mugabe la sposa nel 1996. Dalla loro unione nascono due figli maschi, Robert jr e Chatunga, di 25 e 20 anni.

Solamente nel 2014 consegue un dottorato in sociologia all’ Università dello Zimbabwe, a neanche due mesi dall’iscrizione e senza aver mai presentato o discusso una tesi. E’ stata soprannominata ‘Gucci Grace‘ e ‘First Shopper‘, per l’ abitudine a spendere senza considerare le difficoltà in cui versa il Paese: è arrivata a comprare una Rolls Royce da bene 300mila dollari e a regalare, in occasioni di eventi pubblici, i suoi vestiti ai fan. 

Fa carriera nel partito e non nasconde l’ avversione al «coccodrillo» Mnangagwa. «Il serpente va schiacciato» aveva avvertito la first lady. E il marito lo aveva cacciato. A seguito del colpo di Stato di ieri, molti hanno ipotizzato una sua fuga in Namibia che, invece, ha smentito. 

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore