giovedì, Ottobre 1

Zimbabwe, chi è Emmerson Mnangagwa 75 anni, ha partecipato alla lotta di liberazione dello Zimbabwe ed ha sempre fatto parte del governo

0

E’ caos nello Zimbabwe, dove l’esercito ha arrestato il presidente Robert Mugabe e tre ministri accusati di spingere la moglie Grace Mugabe a prendere la guida del Paese. Il partito di governo, Zanu-Pf, ha smentito che nel Paese sia in atto un golpe, come invece sostiene l’Unione Africana. Si parla invece di una «transizione senza spargimento di sangue in cui sono state arrestate persone corrotte e un uomo anziano di cui la moglie approfittava».

Secondo fonti giornalistiche, la moglie del presidente sarebbe fuggita in Namibia. Tra i favoriti per la successione l’ex vicepresidente Emmerson Mnangagwa, rimosso dal suo incarico proprio la scorsa settimana.

75 anni, ha partecipato alla lotta di liberazione dello Zimbabwe ed ha sempre fatto parte del Governo, guidando anche i dicasteri della Difesa e la Sicurezza di Stato. Soprannominato il ‘coccodrillo‘, Mnangagwa è considerato un politico spietato. Tra l’altro recentemente ha accusato la first lady, che aspira alla successione del marito, di avergli offerto del gelato avvelenato ad una festa.

«Ha inizio una nuova era», si legge sull’account Twitter di Zanu-Pf (che però non sarebbe ufficiale), in cui si avverte che «Emerson Mnangagwa ci aiuterà ad avere un Paese migliore. Sarà il presidente dello Zanu-Pf. Né lo Zimbabwe né lo Zanu sono di Mugabe e di sua moglie».

(video tratti dai canali Youtube di IBTimes UK e BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.