lunedì, Gennaio 27

Zar e sultano alla prova da pacieri Ma Putin, oltre in Libia, potrebbe mediare persino tra Stati Uniti e Iran

0

Fonte inesauribile di crisi di ogni genere, tensioni più o meno allarmanti, nuove e vecchie rivalità e conflitti aperti e latenti anche dopo i preannunci di fine dell’era del petrolio, il Medio Oriente (con le sue propaggini mediterranee e nordafricane) sembrava in procinto di far tremare il mondo intero per l’ennesima volta. E una volta di più per iniziativa soprattutto di potenze esterne ad una regione già di per sé così facile a diventare incandescente.

Nel giro di pochi ginrni il timore del peggio si è improvvisamente (ma nnn proprio imprevedibilmente) diffuso un po’ donvunque a causa della temuta internazionalizzazione della guerra civile, se così si può chiamarla, in Libia, e ancor più dell’uccisione da parte americana di un esponente di punta della Repubblica islamica dell’Iran. Due eventi, probabilmente, non privi di qualche collegamento tra di loro.

Questa volta, però, i “cani della guerra”, come li chiamava un vecchio presidente USA rievocando la Bibbia, sono stati messi al guinzaglio altrettanto rapidamente, a quanto sembra, benchè le precoci e piuttosto inattese schiarite rimangano naturalmente bisognose di adeguate conferme.

L’attuale inquilino della Casa bianca, infatti, ha confermato per quanto lo riguarda un’ormai familiare propensione a fare la voce grossa, e a colpire anche duramente, come si è appena visto, per proclamare poi una piena disponibilità al dialogo e alla trattativa con la controparte. Non reagendo, intanto, alle ritorsioni di quest’ultima, peraltro assai più blande, per ora, di quanto minacciato.

Sia pure con qualche alto e basso, l’inimicizia tra Washington e Teheran si protrae ormai da mezzo secolo, di pari passo con l’ancor più lungo conflitto tra Israele e un ampio benchè variabile schieramento di Stati arabi o musulmani, capeggiati proprio da un implacabile Iran. Inimicizia verosimilmente doestinata a perdurare finché quel conflitto non sarà in qualche modo risolto, e semmai ad inasprirsi ulteriormente.

Come stava già accadendo, per effetto dell’aspirazione degli ayatollah a dotarsi dell’arma nucleare e del tendenziale disimpegno americano dal Medio Oriente in generale, per quanto controbilanciato dal profilarsi del subentro, in un ruolo regionale analogo, della Russia di Putin, amica di Israele a differenza della defunta Unione Sovietica.

La recente formazione di un’asse russo-turco-iraniana nella gestinne del conflitto in Siria, una sorta di semialleanza tripartita quanto meno in funzione antiamericana su scala globale, è stata sottoposta ad un primo test, temibile per tui, proprio dall’uccisione del generale Soleimani e conseguenti reazioni. Il suo esito, si può ben dire, è stato alquanto rasserenante oltre a fornire importanti indicazioni.

Mosca e Ankara non potevano ovviamente esimersi dal deplorare il ruvido gesto americano denunciandone la sua avventatezza e pericolosità, come è stato fatto del resto, sia pure con toni meno severi, anche da quasi tutti gli amici e alleati degli USA.

In occasione del loro ultimo incontro, l’8 gennaio a Istanbul, Vladimir Putin e Recep Tayyip Erdongan non si sono tutavia limitati alla deplorazione del singolo atto. Esprimendo la loro “profonda preoccupazione” per l’escalation della tensione tra Washington e Teheran a tutto scapito della sicurezza e stabilità regionale e con ripercussioni negative, in particolare, sulla situazinne in Irak, dove “lo scambio di colpi e l’uso della forza da entrambe le parti” non favorisce la soluzione di problemi complessi.

Un’eufemistica ma chiara allusione, questa, anche ai missili balistici che le milizie irakene fln-iraniane lanciano contro i militari americani e di altre nazioni (Italia compresa) tutta a Baghdad e dintorni devono avere contribuito a liberare il paese dalla morsa dell’ISIS.

In altri termini, Mosca e Ankara hanno confermato di non gradire affatto il tentativo di Teheran di sottoporre il vicino occidentale ad una propria predominante influenza o egemonia regionale nel quadro della più ampia contesa tra lo schieramento prevalentemente sciita e quello sunnita guidato dall’Arabia Saudita.
La Russia, in particolare, malgrado la collaborazione con l’Iran non parteggia per nessun dei due ma coltiva con  visibile impegno anche i rapporti con Riad, per interessi petroliferi oltre che politici. E comunque, in Irak, si appresta presumibilmente a cimentarsi in una funzinne mediatrice analoga a quella svolta con successo, finora, in Siria, dove l’osso più duro per Mosca era invece rappresentato, in partenza, dalla Turchia.
Su questo fronte bilaterale, aggirato ovvero superato con un rinvio lo scoglio del problema curdo, rimane quello dell’ultima sacca di resistenza, nella zona di Idlib, delle milizie del sedicente califfato e altre che Mosca e Damasco bollano cnme terroriste e premono per eliminare definitivamente. Incontrando però una certa resistenza, per motivi non del tutto trasparenti, da parte da Ankara.

Prima o poi, inoltre, il Cremlino dovrà venire a capo, sempre in veste di arbitro, della questione più che mai scottante delle forze filoiraniane (Hezbollah in testa) operanti, in Libano e in Siria, contro Israele e comprensibilmente percepite dallo Stato ebraico come ancora più minacciose dopo l’esito del recente conflitto vicino ai propri confini.

E qui, probabilmente, molto dipenderà dall’andameno della partita tra l’Iran e gli USA nel suo complesso. Autorevoli esperti moscoviti ritengono possibile quanto opportuna e probabile una mediazione russa anche su un fronte così ampio e impegnativo, nonché decisivo, a questo punto, anche ai fini di un’eventuale soluzione del più vecchio problema e conflitto mediorientale.

Ad ogni buon conto, nonostante la vicinanza con Teheran, Mosca tiene ferma sulla necessità di rispettare la sovranità e l’integrità territoriale dell’Irak, potendo contare in proposito anche sull’appoggio, ad esempio in sede ONU, dell’amica Cina. Pechino, infatti, ha ribadito per l’occasione  la condanna dell’uso della forza in generale nei rapporti internazionali e ha esortato tutti, cioè  “specialmente gli Stati Uniti” ma non solo, alla calma e alla moderazione.

Sempre nell’ambito del giovane terzetto che cerca di instaurare un nuovo ordine nel Medio Oriente e dintorni, presenta naturalmente aspetti non meno problematici il rappnrtn bilaterale tra Mosca e Ankara. Quando Putin optò per l’intervento militare in Siria poco mancò che si arrivasse allo scontro armato in seguito al non casuale abbattimento di un aereo russo di passaggio da parte della contraerea turca.
A spazzare via l’antagonismo e la tensione tra i due Paesi, spingendoli verso uno spettacolare avvicinamento, fin quasi al limite di un tipico rovesciamento delle alleanze, fu la crisi apertasi tra la Turchia e l’Occidoente, con gli USA in testa, a causa doelle simpatie riscosse nello schieramento atlantico dal fallito tentativo ad  Ankara e Istanbul di rovesciare il governo di Erdongan, sempre più autoritario e repressivo, con un golpe militare tutt’altro che inedito nella storia contemporanea del paese.

L’avvicinamento su più terreni e una fattiva collaborazione non impediranno la comparsa di nuovi screzi. Dopo la sconfitta dell’ISIS l’invasione turca della Siria settentrionale per tenere lontane le vittoriose milizie curde non è stata ovviamente gradita dal governo di Damasco ma neppure da parte russa.

Poi si è trovato il modo di aggiustare anche localmente le cnse benchè Ankara, pur continuando a rafforzare i legami con Mosca e a litigare con i vecchi alleati occidentali, non abbia mai neppure accennato ad uscire dalla NATO, a sua volta ai ferri corti da anni cnn la Russia.
Col nuovo anno si è giunti infine al più recente banco di prova per la strana coppia, stavolta in terra africana e nel Mediterraneo addirittura centrale. Una prnva alquantn a sorpresa, benché la Libia fnsse stata strappata oltre un secolo fa, dall’”Italietta” dei Savoia e di Giovanni Giolitti, a quell’impero ottomano che Erdogan forse sogna di ricostruire.

Da parte russa, invece, l’URSS cercò invano di mettere le mani sull’ex “quarta sponda” della sconfitta Italia fascista, prima che fosse scoperta la sua ricchezza petrolifera, e di allacciare cospicui rapporti di affari con il regime del Colonnello Gheddafi, venuti meno col suo abbattimento in seguito alla rivolta della Cirenaica e al decisivo intervento a suo sostegno dell’aviazione franco-britannica, da Mnsca sempre esecrato in questi ultimi anni.

Si è cnmunque assistito, lo scorso anno, ad una nuova versione di guerra civile in Libia, semplificando un pn’ sempre tra Tripnlitania e la Cirenaica, con la Turchia schierata a favore del governo di Tripoli, riconosciuto dall’ONU, e la Russia di quello di Tobruk e Bengasi, sostenuto anche da Francia, Egitto e altri Stati arabi. Nel caso russo, tra l’altro, mediante la multiforme avidità di milizie formalmente private già impiegate altrove.

Col precipitare della situazione sul campo a danno del governo di Tripoli la Turchia ha deciso di intervenire militarmente in modo aperto e Mosca ha deplorato la decisione, cosicché si è temuto per un momento che il Mediterraneo diventasse teatro di un nuovo e più esteso conflitto quanto meno di una pericolosa incrinatura di un rapporto divenuto nevralgico tra due grandi medie potenze.

Se il pericolo davvero esisteva in partenza, è stato però prontamente sventato, mentre si è diffusa piuttosto l’impressione, non necessariamente fondata, di un gioco delle parti mirante ad approfittare della prevalente latitanza dei governi occidentali per porre fine al conflitto locale con modalità rispondenti ad interessi comuni di Russia e Turchia.
E’ tuttavia possibile che si arrivi anche a qualcosa di meglio, sulla scia della posizione assunta da Putin e Erdongan, in veste di grandi mediatori anziché parti in causa, nel loro incontro dell’8 gennaio e della cessazione delle ostilità sul campo da loro proposta e accettata, dopo  qualche esitazione, di entrambi i contendenti.

Sul piano diplomatico, infatti, Mosca in particolare si è attivata per coinvolgere anche i governi occidentali, europei, in un processo di pacificazione, compresa la cancelliera Merkel più che ben disposta a sua volta a convocare un’apposita conferenza con larga partecipazione, che dovrebbe svolgersi a Berlino forse anche entro il corrente mese. Aprendo, automaticamente, una nuova fase di politica internazionale ad ampio raggio meritevole, nelle attuali circostanze, di grande interesse e di viva attesa.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore