domenica, Novembre 29

Zapad, le esercitazioni di Russia e Bielorussia che fanno paura alla Nato Le manovre militari, che avranno luogo in sei diversi poligoni, hanno l’obiettivo di verificare l’efficienza di una risposta rapida ad un particolare scenario

0

Sono iniziate ieri e dureranno una settimana le esercitazioni quadriennali Zapad, ‘Occidente’, che la Russia compie in Bielorussia. Le manovre militari, che avranno luogo in sei diversi poligoni, hanno l’obiettivo di verificare l’efficienza di una risposta rapida ad un particolare scenario. Quello messo in piedi stavolta è un attacco da parte di terroristi a Minsk e Kaliningrad.

Secondo i dati ufficiali sarebbero 12.700 i soldati che parteciperanno alle operazioni, oltre a 250 mezzi terrestri, 70 aerei e 10 navi, ma il ministro della Difesa tedesco ha già detto che il numero reale è di molto maggiore. Secondo la Germania sono coinvolti almeno centomila militari. E c’è chi parla di una Russia che con Zapad sta provando un’invasione verso i Paesi del fianco orientale europeo. E questo non fa altro che alzare la tensione tra Russia e Nato.

Secondo il documento di Vienna del 2011, le esercitazioni che coinvolgono più di tredicimila uomini devono essere sottoposte al monitoraggio degli osservatori. Il governo di Minsk già un mese fa ha emanato un invito ufficiale, ma il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, ha detto in settimana durante un’intervista televisiva alla ‘BBC‘ che Mosca sta usando delle «scappatoie per evitare i controlli». Anzi, ha aggiunto: «Abbiamo già visto che la Russia ha usato grandi esercitazioni militari come un travestimento. Ciò è accaduto in Georgia nel 2008 quando hanno invaso la Georgia ed è accaduto in Crimea nel 2014 quando hanno illegalmente annesso la Crimea».

La Russia però può tirare fuori come argomento convincente l’espansione della Nato in Europa orientale, nel 1999 e 2004, fino all’attuale linea del fronte di Zapad 2017. E poi di esercitazioni ne ha effettuate anche la Nato, proprio al confine con la Russia. A giugno le forze armate statunitensi hanno partecipato ad un training con gli alleati baltici. A luglio un sistema missilistico anti-aereo Patriot dell’esercito americano è stato schierato in Lituania per altre esercitazioni. Sempre a luglio, 25.000 truppe provenienti da 17 nazioni hanno partecipato alle manovre Nato nel Mar Nero.

Le esercitazioni russo-bielorusse Zapad 2017 non sono una minaccia per paesi terzi e hanno natura difensiva, ha detto il capo di Stato maggiore russo Valeri Gherasimov in una telefonata col generale Curtis Scaparrotti, comandante supremo delle Forze Nato in Europa. Basterà a riportare la calma?

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.