lunedì, Dicembre 16

Yelp e Eat24 provano la carta dei robot per le consegne a domicilio

0

I robot ormai stanno invadendo il mercato, anche quello delle consegne del cibo a domicilio. Le moderne tecnologie che consentono ai robot di muoversi in autonomia nel traffico cittadino grazie al GPS e grazie a sofisticatissimi sensori di posizione e movimento stanno conquistando anche i grandi nomi della ristorazione.

A Londra Starship ha lanciato un servizio di consegna automatica. A muoversi già nel 2015 era stato il colosso Yelp, che ha comprato per 134 milioni $ Eat24 e recentemente ha stretto un accordo con Murble per lanciare un servizio di consegna a domicilio del cibo a San Francisco. Ovviamente il servizio è in fase di sperimentazione e nella sua fase iniziale, come negli altri casi, sarà seguito anche da un occhio umano per evitare disguidi legati alle consegne e perché gli ingegneri stanno finendo di mappare i marciapiedi della città in questione.

Ma di sicuro c’è che lo sviluppo di questa tecnologia, ossia dei robot per la consegna a domicilio, stuzzica in tanti. E a confermare gli obiettivi è Matt Delaney, CEO di Marble: aiutare innanzitutto gli utenti a ordinare in modo semplice tramite uno smartphone o la chat di Facebook Messenger e poi aiutare i ristoratori locali con l’aiuto di una tecnologia che consegni il cibo più velocemente senza l’ausilio di una persona aiutare. E se tutto andrà bene, il mercato è pronto letteralmente ad essere invaso da nuove offerte e da investimenti. E siamo solo all’inizio.

(video tratto dal canale Youtube di Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.