martedì, Ottobre 27

Xi Jinping: l’uomo più potente della Cina o anche del mondo? La sua visione politica è stata aggiunta nella Costituzione del Partito Comunista. Quanto è 'grande' il presidente?

0

Il protagonista assoluto del nuovo Congresso del Partito Comunista Cinese è sicuramente Xi Jinping. Il presidente cinese e segretario del Partito è uscito molto rafforzato dal Congresso, come ci si aspettava. Tanto che la sua visione politica è stata aggiunta nella Costituzione del Partito come ‘pensiero di Xi Jinping’. Un inserimento nella Costituzione del partito in passato concesso solo a Mao Zedong e Deng Xiaoping.

Il pensiero di Xi Jinping è composto da 14 principi. Tra questi l’impegno a creare «una coesistenza armoniosa tra uomo e natura», visto che ultimamente la Cina si sta impegnando contro il cambiamento climatico e sta investendo per usare più fonti di energia rinnovabili. Si parla anche dell’«autorità assoluta del Partito sull’esercito», oltre al principio ‘Un Paese, due sistemi’, che regola i rapporti tra la Cina continentale e Hong Kong.

L’aggiunta del pensiero di Xi Jinping nella Costituzione del Partito è un atto simbolico, ma che ha anche risvolti importanti: ogni attacco a lui sarà all’intero partito. Segno di un potere sempre più forte del presidente, che dovrebbe rimanere in carica fino al 2022. Dovrebbe, perché c’è chi ipotizza un governo anche oltre scadenza. E c’è chi si chiede quanto sia potente ora Xi Jinping: un potere enorme solo in patria o anche fuori, a livello globale?

(video tratti dai canali Youtube del The Economist e Guardian Wires)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.