venerdì, Febbraio 28

Wall Street, ecco la donna-bambina che sfida l’uomo-toro

0

C’è qualcosa di più ‘maschile’ del toro in bronzo che campeggia davanti a Wall Street, a New York? Beh, forse sì, ma negli Usa è uno dei simboli del potere maschile. E allora perché non lanciare un messaggio forte proprio da lì nel giorno della donna? Ecco allora che ieri è comparsa una piccola statua di bronzo rappresentante una fiera bambina, che sfida proprio la possenza del toro. Si tratta di una scultura realizzata da Kristen Visbal, che ha un significato ben preciso: ricordare a tutti, e in particolare al mondo degli affari americano, l’importanza del ruolo delle donne. Perché una bambina-donna? Perché «può essere delicata e minuta, ma anche molto forte», fa sapere l’artista.

‘The Fearless Girl’, questo il nome dell’opera, rimarrà lì per almeno un mese ed è stata voluta da State Street Global Advisors, terzo asset manager più grande del mondo, e fa parte di un progetto più ampio che mira a chiedere a 3500 aziende di investire di più nel mondo femminile e aumentare il numero di dirigenti donna. Anche perché i dati mostrano che la donna con leadership rende di più dei maschietti.

Riguardo alla bambina coraggiosa, la manager Anne McNally ha dichiarato: «Tanta gente parla di diversità di genere, ma abbiamo pensato di dover portare il tema su un piano più ampio».

(video tratto dal canale Youtube di Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.