mercoledì, Agosto 5

Vuoi passare da Windows Live Mail a Outlook? Ecco come fare! Outlook Transfer consente, in pochi click, di passare da un client all’altro senza rischi, né per le email né per tutti i contenuti

0

La tecnologia è un settore che muta nel giro di breve tempo: in pochi mesi, quelli che sembravano essere un’app o un software imbattibili si rivelano obsoleti, poco accattivanti e superati da nuove creazioni. Che ci piaccia o meno, la nostra vita quotidiana non può prescindere dalla tecnologia: ormai tutte le nostre attività e i nostri contatti vengono gestiti attraverso delle app o dei client, che ci aiutano a gestire il lavoro e la vita privata in maniera più semplice e veloce. Chi è che usa ancora le vecchie agendine per segnare numeri di telefono o indirizzi email? Praticamente nessuno!

Anche all’interno delle varie applicazioni, quello che fino a ieri poteva sembrare la soluzione ottimale per le tue email, oggi è superato da un altro sistema operativo, come è successo con Outlook che, non a caso, è uno dei maggiori provider di posta elettronica al mondo. Il problema che molti potrebbero porsi è come importare email da Windows Live Mail su Outlook: come fare senza perdere una marea di tempo e, soprattutto, una marea di contatti? Niente paura, una soluzione c’è ed è molto semplice, pratica e veloce: Outlook Transfer infatti consente, in pochi click, di passare da un client all’altro senza rischi, né per le tue email né per tutti i contenuti che vuoi trasferire.

Perché passare da un sistema all’altro?

La prima cosa che è importante capire è se convenga cambiare client di posta elettronica. La risposta dipende sicuramente da quelle che sono le tue esigenze. Outlook si presenta come un provider facile e intuitivo nell’utilizzo, con un ottimo livello di usabilità, ma allo stesso tempo offre dei servizi di livello professionale. Microsoft ha impiegato parecchio tempo infatti prima di far uscire questa versione di Outlook che è completa sotto ogni punto di vista, non limitandosi solo al servizio per le email ma comprendendo anche il calendario e tantissime funzioni di supporto.

Per fare solo alcuni esempi, Outlook può essere integrato ad Office: questo vuol dire potenziare tantissimo uno degli strumenti più indispensabili per la vita quotidiana di tutti noi. Inoltre, con Outlook puoi creare delle categorie per i messaggi, puoi cancellare le conversazioni e ignorare determinati messaggi, oltre a poter inviare e ricevere email tramite degli indirizzi condivisi. Hai la possibilità di creare liste dei contatti, così come delle regole per impostare la tua cartella di messaggi ricevuti puoi usufruire. Se poi hai bisogno di qualche consiglio, Outlook te ne regala un bel po’, gratuitamente. Più che un provider di posta elettronica, sembra proprio un’assistente personale!

Gli step per passare da Windows Live Mail a Outllook

Grazie a Outlook Transfer, far migrare i messaggi da un sistema all’altro è molto semplice: in pratica, non devi pensare a niente! Ti è sufficiente infatti installare il software (che in realtà si autoinstalla). Fatto questo, Outlook Transfer provvede ad individuare da solo tutti i contenuti presenti su Windows Live Mail che deve esportare sul tuo account Outlook. Se preferisci non procedere subito allo spostamento, magari perché non hai ancora creato un tuo account, tutto il contenuto verrà salvato su un file in formato PST che verrà a sua volta salvato su Outlook quando vorrai tu. Una vera e propria rivoluzione nella tua amministrazione, facile da compiere come bere un bicchier d’acqua!

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore