mercoledì, Ottobre 28

Vídeos que cuestionan el Estado de derecho en España Diego Pérez de los Cobos, responsable de las cargas policiales contra los votantes del Referéndum y testigo de cargo contra los acusados, es protegido por el Presidente de la Sala del Supremo

0
En relación con el artículo “Otro virus acecha en España: el fascismo” hay dos vídeos que cuestionan como se ha tardado tanto a destituir a Diego Pérez de los Cobos, máximo responsable de la operación para impedir el Refréndum de Catalunya. Unos vídeos que deberían preocupar a cualquiera que entienda que el estado de derecho debe ser respetado en toda la Unión Europea.
El primer vídeo muestra las cargas policiales contra los votantes del Referéndum de Autodeterminación del uno de octubre de 2017. Durante el juicio contra los organizadores del Referéndum, don Diego Pérez de los Cobos afirmó, bajo juramento, que técnicamente no podía hablarse de cargas policiales.
En el segundo vídeo se ve a Jordi Pina, abogado de tres de los acusados (Jordi Sánchez, Josep Rull i Jordi Turull) intentando interrogar al testigo Pérez de los Cobos, recordándole que está bajo juramento. El Presidente de la Sala, Manuel Marchena, interrumpe al abogado para que no pueda interrogar al testigo. El señor Marchena impidió en el juicio que las palabras de Pérez de los Cobos fuesen contrastadas con los vídeos de las cargas.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore

Docente della Universitat de Vic, Departament d'Economia i Empresa