sabato, Settembre 21

Viaggio di nozze negli Stati Uniti: consigli pratici su aereo, ESTA e assicurazione USA Pianificare la luna di miele negli States non è cosa semplice perché ci sono diverse questioni da considerare. Ecco quali

0

Quando pensiamo a dove trascorrere la luna di miele con la nostra dolce metà una delle prime destinazioni che ci viene in mente sono gli Stati Uniti d’America. Pianificare il proprio viaggio di nozze negli States, però, non è cosa semplice in quanto ci sono diverse questioni da considerare e da prendere con le molle. Tra queste, ad esempio, c’è la questione assicurazione viaggio. Stipulare un’assicurazione per l’USA è di importanza fondamentale per non incorrere in problemi molto gravi dal punto di vista salutare ed anche economico.

Ma procediamo con ordine. Come organizzare il viaggio di nozze negli Stati Uniti?

Tutto sul viaggio in aereo

Il primo passo è quello di considerare il tempo che si ha a disposizione. Sono necessari almeno 15 giorni di viaggio, le distanze da percorrere sono davvero imponenti. Grande importanza nella scelta del viaggio ha, ovviamente, l’aereo. I voli dall’Italia per gli Stati Uniti vengono serviti da AlitaliaBritish AirwaysEtihadLufthansaDelta Airlines e American Airlines. Sono collegamenti spesso diretti in partenza dagli aeroporti di Roma e di Milano, validi per tutto l’anno.

Quando si organizza il viaggio in aereo è importante conoscere le dimensioni massime consentite per bagagli a mano e bagagli da stiva. Per fare ciò è sufficiente visitare il sito web ufficiale della compagnia aerea scelta.

Per quanto riguarda il comfort il consiglio è di munirsi di una sciarpa o pashmina, anche in estate, se si teme che l’aria condizionata in aereo possa disturbare. Altro consiglio fondamentale è quello di vestirsi a strati così da togliere o mettere in base alle esigenze.

Per risparmiare non poco sui voli è possibile valutare partenze da aeroporti diversi, perché i prezzi possono variare, anche esponenzialmente. Nel comprare il biglietto aereo bisogna poi chiedersi se sia il caso di prenotare un’auto a noleggio per tutta la durata della vacanza o soltanto per una parte.

L’ESTA e l’assicurazione USA

Dal 2009 per entrare negli Stati Uniti è necessario aver ottenuto l’ESTA. ESTA, l’acronimo di Electronic System for Travel Authorization è un sistema elettronico online sviluppato dal governo degli Stati Uniti con lo scopo di esaminare i viaggiatori in entrata sul territorio americano prima di concedere loro l’autorizzazione ad entrare nel Paese.

Altro concetto fondamentale è quello dell’assicurazione USA. Questa è fondamentale in quanto in America la sanità è privata ed in caso di infortuni o incidenti potremmo ritrovarci a sborsare cifre astronomiche per quella che noi consideriamo una semplice medicazione. Stipulando un’assicurazione viaggio il titolare si mette al riparo da queste minacce, ma anche da un eventuale annullamento del viaggio o dallo smarrimento dei bagagli. Le polizze assicurative per viaggi vengono offerte sia dalle compagnie di assicurazioni, sia dalle agenzie di viaggio che dai tour operator.

Tutte le assicurazioni viaggio sono personalizzabili a seconda delle esigenze. La più importante è quella sanitaria che offre una copertura che riguarda i costi di cura, degenze ospedaliere e assunzioni farmacologiche, nonché eventuali medicazioni e primo soccorso qualora l’imprevisto si presenti durante il volo o in zone dove non è possibile accedere a strutture ospedaliere.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore