lunedì, Aprile 6

Viaggiare sostenibile negli USA Per molti potrebbe essere una novità, per altri è un modo di viaggiare ben conosciuto

0

Ecoturismo’ significa viaggiare in modo sostenibile alla scoperta diluoghi naturali, esercitando il minimo impatto sull’ambiente efavorendo le economie locali in cambio di un’esperienza diretta, a stretto contatto con la natura e la cultura dei luoghi visitati.

Negli Stati Uniti e in Australia l’ecoturismo è praticato da milioni di persone, rappresentando una grossa fetta del mercato turistico nazionale.

Gli USA sono un Paese dove tutto si fa più in grande, spesso senza badare a spese e consumi; è possibile l’ecoturismo oltreoceano?

Ebbene sì, nel Paese a stelle e strisce esistono tantissimi posti stupendi e ricchi di fascino che aspettano soltanto i prossimi ecoturisti per mostrare bellezze naturalistiche da togliere il fiato.

Un esempio? L’Alaska è famoso in tutto il mondo per la sua natura selvaggia e nei sogni di molti è la meta perfetta peravventure into the wild, così come la California è conosciuta per le sue riserve e parchi naturali, le spiagge e la musica.

Tutti i cittadini italiani pronti a fare ecoturismo negli USA possono viaggiare senza vistoL’Italia rientra infatti nel programma di esenzione di visto d’ingresso, o Visa Waiver Program, per cui basta avere il passaporto valido e richiedere l’autorizzazione attraverso la domanda ESTA.

Una volta pronti a partire, le destinazioni sono numerose e tutte perfette candidate per la prossima vacanza da sogno.

Il selvaggio Alaska

Gli avventurieri più coraggiosi prediligono quasi sempre l’Alaska perché è un vero e proprio santuario naturale ricco di biodiversità, scenari cinematografici, iconiche montagne e spirito duro.

Per chi sceglierà l’Alaska si prevedono escursioni in tutte le stagioni, lunghe passeggiate a piedi, in canoa, barca, alla scoperta dal rapporto che i locali hanno con il proprio territorio, di curiosi animali e di paesaggi diversi dal solito.

Le opportunità ecoturistiche presenti in tutto lo Stato e la vastità del territorio rendono l’Alaska una meta ideale anche per chi preferisce scoprire i luoghi con maggiore relax.

Il Sole della California

Uno degli stati più amati in tutto il mondo, la California, è molto di più che la meta preferita da surfisti, amanti della vita notturna, del vino e del cinema.

Qui, si trovano bellezze naturali e percorsi paesaggistici di assoluta bellezza, caratteristici di questa parte degli States, molte delle quali a meno di un’ora d’auto da San Francisco.

Le montagne di Santa Cruz, nel nord della California, sono un luogo ideale per gli ecoturisti proprio come lo sono il Redwood National and State Park, sede di alcuni tra gli alberi più alti sulla terra e sito UNESCO, l’oceano e le valli delle contee di Napa e Sonoma.

Viaggiare sostenibile in California significa anche avere la certezza di trovare strutture ecosostenibili un po’ ovunque e conoscere una popolazione molto attiva e culturalmente aperta.

Storia e natura in Colorado

Nonostante siano una nazione relativamente giovane, gli USA vantano alcuni luoghi di interesse storico molto importanti.

Uno di questi è Mesa Verde, sito dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, un tempo residenza dell’antico popolo degli Anasazi e oggi custodito all’interno di un’area naturale protetta. Il sito è famoso per i suoi circa 600 cliff dwelling, caratteristici villaggi costruiti nella roccia.

Gli amanti della natura e dello sport troveranno il Colorado una meta molto interessante: con i suoi 4.401 metri sul livello del mare, il Monte Elbert è la vetta più alta delle celebri Montagne Rocciose (Rocky Mountains).

Tra le numerose attività, qui è possibile praticare hiking, trekking e arrampicata, andare a pesca o in mountain bike, nonché sciare e fare snowboard.

Hawaii da sogno

Le Hawaii sono una meta gettonatissima da tantissimi tipi di turisti, ma non c’è posto migliore per gli ecoturisti.

Nativi e locali sentono molto l’importanza della cura del luogo, ‘malama aina’ in lingua locale, per questo motivo le iniziative governative verso la promozione di un turismo sostenibile sono sempre maggiori.

Dalle attività acquatiche alle passeggiate naturalistiche, non perdete una lezione di hula dancing per immergervi completamente nel cuore delle tradizioni locali.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore