domenica, Giugno 7

Viaggiare sicuri durante il Coronavirus Ecco qualche consiglio per chi deve viaggiare ai tempi della pandemia

0

A seguito della dichiarazione dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) che classifica COVID-19 come pandemia, molte nazioni hanno posto drastiche limitazioni a viaggi e spostamenti, interni ed esterni.

La situazione attuale in Italia ha portato il governo a vietare tutti i viaggi per turismo, sia all’estero che su territorio nazionale, ma restano consentiti viaggi essenziali, cioè motivati da ragioni di lavoro, salute o necessità comprovata.

Se avete la necessità di viaggiare durante questo periodo, è importante essere informati circa la situazione presente nel Paese in cui vi state recando e adottare tutte le misure di sicurezza per la vostra e l’altrui salute.

È sicuro viaggiare durante il Coronavirus?

La situazione di emergenza globale ha reso la vita quotidiana molto diversa, soprattutto in relazione a viaggi e spostamenti.

La natura del virus e il suo tipo di diffusione hanno richiesto misure straordinarie al fine di contenere i contagi. Tra queste rientrano ovviamente le limitazioni poste ai viaggi, soprattutto quelli all’estero.

Parecchi Paesi hanno negato l’ingresso all’interno dei propri confini nazionali a visitatori che nei 14 giorni precedenti si siano trovati in aree pesantemente colpite dal virus.

Se i viaggi non necessari sono vietati in molte parti del mondo, esistono alcune necessità che potrebbero portarvi a viaggiare anche durante questa crisi.

Il rischio di viaggiare in questo periodo va calcolato in base alla vostra destinazione (se si tratta di un paese con un numero elevato di contagi o meno) ma anche in base al vostro stato di salute ed età.

È stato infatti più volte sottolineato come le persone più anziane e quelle affette da precedenti patologie siano più vulnerabili al virus, con il rischio di complicazioni in caso di contagio.

Tuttavia, una giovane età e un buono stato di salute non vuol dire immunità: il rischio di contagio rimane lo stesso per ogni individuo.

Ciò vuol dire che in caso di viaggi e spostamenti dovrete tener presente non solo la vostra sicurezza ma anche quella delle persone con cui entrate in contatto.

Assicuratevi pertanto di seguire tutte le misure di sicurezza necessarie.

In quali paesi è possibile viaggiare durante il Coronavirus?

Ogni Paese ha adottato misure differenti in merito all’ingresso di viaggiatori dall’estero durante la pandemia da COVID-19.

Se avete in programma un viaggio di lavoro o per motivi di salute, potete consultare il sito offerto dall’Unità di Crisi della Farnesina per verificare quali sono le misure previste dal paese in cui avete bisogno di recarvi.

Molti Paesi hanno chiuso del tutto i confini ai visitatori provenienti dall’Italia. Tra questi, non solo alcuni Paesi europei ma anche oltreoceano.

Gli Stati Uniti, ad esempio, hanno sospeso temporaneamente tutti gli ingressi ai viaggiatori che siano stati fisicamente presenti in uno dei Paesi dell’area Schengen, in Cina o Iran nei 14 giorni precedenti al tentativo di ingresso negli USA.

Numerosi ESTA rilasciati per viaggi previsti durante questo periodo sono stati annullati.

Dunque, se in condizioni normali viaggiare negli USA per gli italiani è semplice grazie al Visa Waiver Program, durante l’emergenza COVID-19 non si potrà fare altro che rimandare.

Quali misure adottare per la propria e l’altrui sicurezza durante i viaggi essenziali?

Se dovete viaggiare per necessità, seguite le linee guida emanate dall’OMS e le misure adottate dal Paese di destinazione del vostro viaggio.

In linea generale, ecco le misure di sicurezza di base da osservare quotidianamente ovunque vi troviate:

Evitate contatti fisici e mantenete una distanza interpersonale di almeno 1 metro, soprattutto da persone che presentano sintomi quali tosse o raffreddore
Lavate frequentemente le mani con acqua e sapone, soprattutto dopo essere stati in luoghi pubblici
Evitate di toccarvi la faccia (occhi, naso, bocca) con le mani sporche
Evitate luoghi affollati dove non sia possibile mantenere la distanza di sicurezza.

Se durante il vostro viaggio cominciate ad accusare sintomi che potrebbero essere associati al Coronavirus, indossate una mascherina e informate subito le autorità sanitarie del luogo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore