lunedì, Dicembre 16

Via Lattea: grazie alla missione Gaia, svelate nuove stelle Gunther Hasinger, il direttore dell'attività scientifica dell'Esa ha detto che «le osservazioni di Gaia stanno ridefinendo le basi dell'astronomia»

0

Una nuova tappa nella conoscenza dell’ universo e questo grazie alla missione Gaia, il progetto dell’Agenzia spaziale europea (ESA) che intende disegnare una mappa tridimensionale della Via Lattea:  questa mappa è stata presentata oggi a Berlino, alla mostra internazionale dell’aeronautica e dello spazio (Ila). Al progetto Esa partecipa anche l’Italia con Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) e Agenzia Spaziale Italiana (Asi). 

Attraverso due telescopi, lanciati in orbita nel dicembre del 2013, sono già state sondate circa 2 miliardi di stelle e 14.00 asteroidi della Via Lattea e, nei prossimi quattro anni, altri dati derivanti dalle rilevazioni dei due telescopi, continueranno ad esser pubblicati: i dati raccolti durante la missione, circa 1,5 milioni di gigabyte di dati, sono stati elaborati al Data Processing and Analysis Consortium (Dpac), il consorzio che comprende 400 ricercatori, anche italiani dell’ Inaf.

Gunther Hasinger, il direttore dell’attività scientifica dell’Esa ha detto che «le osservazioni di Gaia stanno ridefinendo le basi dell’astronomia». Il catalogo descrive la posizione di circa 1,7 miliardi di stelle e di oltre 1,3 miliardi viene precisata la distanza,  di  161 milioni la temperatura,  di 76 milioni luminosità. di 7 milioni la velocità. 

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore