martedì, Marzo 19

Vacanze estive 2018: il 90% degli italiani le farà. Tra le mete preferite Valle d’Aosta e Sicilia La regione siciliana ha avuto un incremento notevole di turisti nel corso degli ultimi anni, grazie all’evoluzione dell’offerta, ma anche grazie alla maggiore convenienza dei mezzi di trasporto come i traghetti

0

Secondo i dati raccolti ed elaborati dal Centro Studi del Touring Italiano, il 90% degli italiani effettuerà delle vacanze in questo periodo estivo 2018. Nonostante le tantissime località disponibili, tra le preferenze spicca proprio il nostro paese e la gran parte delle partenze è prevista nel corso del mese di agosto.

Il 60% del campione degli intervistati ha confermato che effettuerà lo stesso periodo di vacanze del 2017, mentre il 20% ha indicato che effettuerà un periodo di tempo dedicato alle ferie superiore, oppure un numero superiore di viaggi. Il 38% degli italiani sceglie il mese di agosto per spostarsi, a seguire luglio con il 31%, ma resta significativo anche il dato relativo alle partenze di settembre, con il 16%, mentre il 10% ha già effettuato le proprie ferie durante lo scorso periodo di giugno.

Venendo alle destinazioni preferite, il 61% dei nostri connazionali rimarrà in Italia, le regioni preferite sono il Trentino Alto Adige con la Val di Fassa, Val Pusterla e Val di Sole e la Sicilia con Lampedusa, Egadi ed Eolie. La regione siciliana ha avuto un incremento notevole di turisti nel corso degli ultimi anni, grazie all’evoluzione delle strutture turistiche, e dell’offerta, ma anche grazie alla maggiore convenienza dei mezzi di trasporto quali i traghetti. Tale mezzo è divenuto economico e funzionale e Moby, azienda leader nel settore trasporti su nave, mette a disposizione traghetti al miglior prezzo per raggiungere i principali porti italiani tra cui Olbia, Arbatax, Porto Torres, Cagliari, Tremiti, Portoferraio, Cavo, Rio Marina ma anche il capoluogo siciliano Palermo.

Tra le altre mete nazionali preferite troviamo la Sardegna con la Costa Smeralda, Villasimius e Costa Rei, ma anche la Puglia con la sua zona del Salento, Tremiti e Gargano. Chi invece ha preferito mete estere, tra le zone favorite si conferma la Grecia, scelta dal 13% degli intervistati, con Atene e il Peloponneso come luoghi preferiti. Secondo posto per la Francia, con luoghi come  la Corsica, Provenza, Bretagna e Normandia, le Baleari e le Canarie e Barcellona per la Spagna.

Circa la metà degli italiani ha scelto per le proprie ferie alberghi e villaggi turistici, il 23% ha optato per un appartamento in affitto, mentre il 9% ha preferito il campeggio. Per il secondo anno consecutivo è stata registrata una contrazione dell’utilizzo delle seconde case, segnale che indica una certa ripresa economica generale del paese.

Le vacanze estive degli italiani sono all’insegna dello stare in famiglia, almeno secondo quanto è emerso dai dati messi a disposizione del Touring Club Italiano. Il 65% degli intervistati ha confermato che partirà con il proprio partner e/o figli, mentre il 17% effettuerà viaggi con un gruppo allargato di amici e con i restanti componenti del nucleo familiare. Infine, lo studio ha fornito anche un quadro del perché gli italiani effettuano vacanze nel periodo estivo. Tra le motivazioni che spingono gli italiani ci sono lo staccare la spina dal lavoro e routine quotidiana (32%), mentre altri assecondano il desiderio di conoscere luoghi nuovi e imparare tradizioni e culture diverse dalla propria (29%).

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore