venerdì, Novembre 15

USA: a Washington apre la prima ‘urban winery’ L' obiettivo: allargare l' accessibilità al vino a quante più persone possibili

0

A Washingtona 385 Water St. SE lungo il fiume Anacostia, è stata inaugurata la prima ‘urban winery’ ovvero la prima ‘cantina urbana’, così da rendere possibili degustazioni di un’ ampia varietà di vini senza dover fare un viaggio per recarsi in un vero e proprio vigneto.

La cantina, dai fondatori della Brooklyn Winery di New York, ospiterà non solo un impianto di produzione di vino e una sala di degustazione, ma anche un ristorante per ogni occasione. 

È fondamentalmente come qualsiasi altra cantina che avresti scoperto in campagna o in qualsiasi paese del vino. L’unica differenza è che si trova in un ambiente urbano “, ha detto Stires il co-fondatore della cantina. Piuttosto che produrre la propria uva, l’azienda vinicola di 17.000 metri quadrati, distribuirà uva da vigneti di tutto il paese. Le uve saranno spedite in autocarri frigoriferi e in “cluster interi” per mantenere la qualità durante tutto il processo. La frantumazione, la pressatura, la fermentazione, l’invecchiamento, la miscelazione e l’imbottigliamento si svolgeranno in loco presso la cantina. Stires e il suo socio, Brian Leventhal, ex impiegati di internet-startup hanno sempre vissuto il vino come un hobby di fine settimana e hanno pensato di dare modo ad altri cittadini di apprezzare il vino fatto in casa. ‘Accessibilità’ è la parola d’ ordine.

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore