domenica, Novembre 29

USA: un futuro legato a quello di El Salvador, Guatemala e Honduras? Uno studio del think tank Atlantic Council su come sviluppo economico e stabilità interna di questi tre influiscono sugli interessi commerciali e politici e sulla sicurezza interna degli USA

0

Il futuro degli Stati Uniti d’America è legato a doppio filo a quello del Triangolo del Nord del Centro America, composto da El Salvador, Guatemala e Honduras. Essendo la regione a tre ore di volo da Miami o Houston, la geografia stessa dimostra che la stabilità e la prosperità di queste Nazioni influiscono sugli interessi nazionali del vicinissimo Nord America. Un clima di depressione economica inasprito dalla presenza di bande armate, narcotrafficanti e una corruzione dilagante ed impunita continuano ad affliggere il Triangolo del Nord, rappresentando grosse sfide da fronteggiare.

Gli Stati Uniti si sono dimostrati volenterosi partner per aiutare la regione ad affrontare tali problematiche. Ma l’approccio politico divide profondamente i due partiti politici: Repubblicani e Democratici. I primi vorrebbero aumentare le misure di sicurezza citando sia i problemi di sovraffollamento sia di traffico illecito di droga, i secondi vorrebbero attuare una riforma dell’immigrazione per provare a gestire il flusso di persone e regolarizzare chi è entrato negli Stati Uniti illegalmente. Entrambe le parti politiche dovrebbero unirsi in uno sforzo comune per fare di più: solo investimenti di lungo termine e partnership per uno sviluppo economico sostenibile, riforme legislative e sicurezza riporteranno il Triangolo del Nord sulla giusta strada. Queste sono le ragioni per le quali il Congresso degli Stati Uniti d’America dovrebbe vagliare un accordo pluriennale bipartisan per trovare delle soluzioni ai problemi che affliggono la regione.

Nel Report ‘Building a better future’ , elaborato dal think tank americano Atlantic Council, si pone l’accento su questi pilastri chiave dell’azione degli Stati Uniti per un approccio maggiormente enfatico al Triangolo del Nord. E si auspica uno spirito in direzione bipartisan per risolvere definitivamente l’emergenza della regione, adesso a un bivio.

Negli ultimi tre anni, l’area è stata travolta da più di 50.000 assassinii; a questi si aggiunge il dilagante fenomeno delle bande giovanili e i grossi scandali di corruzione che hanno messo a dura prova le istituzioni e rimescolato l’insoddisfazione delle popolazioni già allo stremo. Tuttavia, nelle linee guida d’azione tracciate dall’Atlantic Council, si parte dalla premessa che il rafforzamento della sicurezza nei confini non fermerà da solo l’enorme flusso di immigrazione illegale e di droghe illecite. Di conseguenza, uno sforzo raddoppiato è necessario per favorire le azioni dei leader politici di Honduras, Guatemala ed El Salvador in virtù della tanto agognata prosperità economica. In tutte e tre gli Stati, difatti, la mancanza di opportunità economiche è la prima causa di immigrazione. Conseguentemente, una forte azione si rende necessaria per impedire una spirale negativa che potrebbe minare gli interessi economici degli Stati Uniti.

Sia l’Amministrazione Trump sia il Congresso hanno adesso l’opportunità di implementare un approccio olistico e una politica di lungo termine che allevierebbe lo stress in termini di sforzo politico riguardante il rafforzamento della difesa dei confini e il traffico di droghe illecite, migliorando gli interessi commerciali degli USA. Nei prossimi anni, gli Stati Uniti dovranno adottare soluzioni e azioni politiche sfaccettate e  innovative – unite ad investimenti sul piano dell’assistenza al Triangolo del Nord – che condurranno verso lo sviluppo economico della regione e garantiranno una maggiore sicurezza anche all’interno degli Stati Uniti. L’importanza di un impegno politico più sistematico da parte degli USA nella regione non può, pertanto, essere sotto stimato.

Nel mondo odierno ormai interconnesso, l’insicurezza e la criminalità di città come San Pedro Sula in Honduras, ad esempio, comportano ramificazioni anche in Abilene, in Texas. Riconoscere la natura di questi problemi è la ragione che ha indotto i membri dei due rami del Congresso a fare fronte comune per dare il proprio sostegno alle tre Nazioni del Triangolo del Nord. I tre governi di El Salvador, Guatemala e Honduras hanno mostrato la loro piena disponibilità a collaborare attivamente con gli Stati Uniti. Oggi, questa volontà fornisce all’amministrazione Trump e al Congresso un’opportunità unica per avviare azioni mirate a salvaguardare la sicurezza e a creare sviluppo economico nei tre Stati in virtù di un incremento di sviluppo economico e sicurezza maggiori all’interno degli Stati Uniti.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore