sabato, Maggio 30

Usa, tutte le donne vip per Hillary Clinton L'intervento della ex first lady lancerà la sua corsa verso le presidenziali di novembre

0

Oggi arriverà il discorso di accettazione dell’investitura di Hillary Clinton nel corso della convention democratica. Ieri già l’annuncio, ma oggi l’intervento della ex first lady lancerà la sua corsa verso le presidenziali di novembre, dove affronterà Donald Trump. Tante le donne a supportarla in questa candidatura, molte del mondo dello spettacolo. A partire dalla ‘casalinga disperata’ Eva Longoria, che ha ricordato le sue origini ‘lantinos’: «Vengo da una piccola città nel sud del Texas e chi conosce la storia sa che il Texas ha fatto parte del Messico. Io rappresento la nona generazione americana. La mia famiglia non ha mai attraversato un confine, è stato il confine ad attraversare noi. Così, quando Donald Trump ci definisce criminali e stupratori, insulta le famiglie americane». Con lei Sarah Silverman, sostenitrice di Bernie Sanders durante le primarie, che si è rivolta a chi ha fischiato la Clinton: «Voglio dire, andiamo, lei è l’unica persona al mondo a essere troppo qualificata per un lavoro come quello di presidente. Ai sostenitori di Bernie, o del rumore, dico sinceramente: siete ridicoli». Poi è stata la volta dell’elogio di Hillary Clinton da parte di Meryl Streep: «Come fa, questo voglio sapere, da dove prende la sua grinta e la sua grazia. Sarà un grande presidente, sarà la prima di una lunga serie di donne, e di uomini, che serviranno con grinta e grazia. Lei sarà la prima, ma non sarà l’ultima». Non poteva mancare Madeleine Albright, primo segretario di Stato donna: «La cupa visione dell’America di Trump, isolata nel mondo, alienata dai suoi alleati, sarebbe un disastro. Noi dobbiamo essere sicuri che questo non accada. Dobbiamo eleggere Hillary Clinton come nostro presidente. Lei sa che proteggere la libertà e la sicurezza non è come condurre un reality show». Forte il duetto tra America Ferrera, protagonista della serie ‘Ugly betty‘, e di Lena Dunham, attrice e sceneggiatrice, autrice della serie televisiva ‘Girls’. «Io sono Lena Dunham e secondo Donald Trump il mio corpo vale un 2», «Io sono America Ferrera e secondo Donald Trump sono probabilmente uno stupratore». «Ma tu non sei messicana», dice la Dunham, «Sì e il presidente Obama non è kenyano ma questo non ha fermato Donald Trump» risponde Ferrera. Tante anche quelle deluse e che speravano in Bernie Sanders, vedi Susan Sarandon. Ma va così, è questa la democrazia, come ha detto Sanders…

(video tratto dal canale Youtube del The Telegraph)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore