domenica, Giugno 7

USA fuori dal Trattato ‘Cieli aperti’ Washington esce da uno dei piu' importanti accordi bilaterali di controllo sugli armamenti siglati con Mosca

0

Donald Trump ha annunciato l’uscita dal trattato ‘Open Skies’, ‘Cieli aperti’, uno dei piu’ importanti accordi bilaterali di controllo sugli armamenti siglati con Mosca. Firmato nel ’92, nato nel segno della trasparenza del periodo post Unione Sovietica, l’obiettivo era quello di evitare crisi internazionali sulla base di malintesi o sospetti, ‘aprendo’ militarmente i cieli al controllo.

Gli Stati Uniti hanno denunciato da tempo continue violazioni da parte dei russi, che non avrebbero piu’ consentito il sorvolo degli apparecchi americani. “Ho buone relazioni con i russi – ha detto il presidente degli Stati Uniti – ma non hanno rispettato il trattato”.  Mosca ha definito la decisione di Washington un “colpo alla sicurezza europea”,

Washington dovrebbe uscire dall’accordo tra sei mesi. La Germania ha chiesto a Trump di riconsiderare la sua decisione. Gli ambasciatori della Nato hanno deciso di convocare una riunione urgente dopo l’annuncio di Donald Trump.

L’inviato speciale della Casa Bianca, Marshall Billingslea, incontrerà il viceministro degli Esteri, Sergei Ryabkov, a Vienna, per organizzare il vertice. Ma la decisione potrebbe presupporre l’uscita di Washington anche dal trattato New Start che scadrà a febbraio 2021. Come esortato da diversi leader e diplomatici europei, gli Stati europei dovrebbero fare ogni sforzo per rimanere nel trattato, considerandone gli effetti, anche se gli Stati Uniti si ritirano. Secondo l’articolo XV.3 del trattato, se gli Stati Uniti si ritirano, il Canada e l’Ungheria devono convocare una conferenza degli Stati Parte non meno di 30 giorni e non più di 60 giorni dopo aver ricevuto una notifica di ritiro.

Gli altri Stati parte dovrebbero anche affrontare in modo soddisfacente le preoccupazioni che gli Stati membri della NATO possano condividere i dati dei sorvoli con gli Stati Uniti dopo che questi hanno lasciato il trattato

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore