martedì, Settembre 29

Usa: anche le celebrità nel 2020 contro Trump Tra i papabili Dwayne 'The Rock' Johnson, attore 'specializzato' nei film d'azione. Ma non solo

0

Negli Usa, dopo che si è paventata la discesa in campo della anchorwoman Oprah Winfrey alle presidenziali del 2020, è caccia a chi altro potrà concorrere contro Donald Trump. Tanti sembrano i nomi grossi del mondo dello spettacolo che vorrebbero contendere il posto alla Casa Bianca all’attuale inquilino, ormai sceso ai minimi storici di apprezzamento.

Tra i papabili Dwayne ‘The Rock’ Johnson, attore ‘specializzato’ nei film d’azione, che già nel giugno del 2016 aveva dichiarato di non escludere un futuro nella politica. La dichiarazione non è certo passata inosservata, e in molti avevano già iniziato a considerarlo come un’ottima alternativa a Trump per le ultime elezioni. Ora però per il 2020 tutto potrebbe diventare realtà.

C’è poi chi parla dei cantanti Kanye West e Katy Perry, con quest’ultima che si è già impegnata attivamente nell’ultima tornata per Hillary Clinton. Ma sono solo alcuni dei nomi usciti. In realtà il problema è soprattutto in casa democratica, perché i volti nuovi faticano ad emergere, vedi Kamala Harris e Kirsten Gillibrand. E allora ecco arrivare in soccorso Hollywood e compagnia bella.

Si è fatto il nome anche di Mark Cuban (proprietario dei Dallas Mavericks, basket Nba e soprattutto del patron di Facebook, Mark Zuckerberg, e di Howard Schultz di Starbucks. Ma tutto sembra ancora poco chiaro.

In questo video di IBTimes UK vediamo proprio una carrellata di nomi di Hollywood e non solo, pronti a lanciare la sfida a Trump in futuro, a partire, chissà, magari proprio dalla prossima tornata elettorale.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.