lunedì, Maggio 27

Unioni Civili, Sindaci quasi pronti al taglio del nastro

0
1 2


E’ stato celebrato a Montignoso, comune toscano della provincia di Massa e Carrara, la prima Unione Civile tra due uomini, grazie al ‘Decreto ponte’ attuativo promulgato dal Governo, con il Ministero dell’Interno a spiegare le modalità di tenuta dei Registri da parte dei Comuni. Anche se già qualche altro Sindaco per diversi motivi, anche per precarie condizioni di salute dei richiedenti, aveva anticipato le cerimonie rispetto al formale via libera. In Toscana Il Sindaco Gianni Lorenzetti (Partito Democratico) ha letto, come indicato dalla legge, una formula temporanea ‘estratta’ dal Decreto, alla presenza di due testimoni. “Ci sono voluti trenta anni» ha detto ai due sposi il primo cittadino «per arrivare a questo matrimonio che sono orgoglioso di celebrare. In questo ufficio vedo concentrati valori di uguaglianza,civiltà e dignità“. E così via libera, come aveva anticipato ‘L’Indro’ il 27 luglio 2016 con ‘Unioni civili: le prime tra il 3 e il 4 agosto’. I Comuni vengono finalmente messi nelle condizioni di registrare Unioni (e Convivenze, che pure la legge prevede). ‘L’Indro’ ha compiuto un suo piccolo viaggio tra alcuni Amministratori locali del Sud dell’Italia, per capire come si stanno organizzando e soprattutto se riusciranno a rispettare le tempistiche. Alcuni Sindaci del mezzogiorno siano ancora piuttosto indietro, altri invece pronti ad adeguarsi a questa svolta epocale.

Salvatore Fuda, Primo cittadino di Gioiosa Ionica comune di settemila abitanti nel cuore della Locride, Calabria, eletto dalla ‘Lista civica Gioiosa bene comune’, conferma di aver già predisposto gli uffici competenti all’aggiornamento degli archivi, riuscendo a risolvere, con l’ausilio dei funzionari, tutti gli adempimenti burocratici. “Abbiamo dato indicazioni all’Ufficiale di Stato Civile per attuare tutto quanto sia necessario. Non ci sono margini per obiezioni di coscienza. Le istituzioni non sono tenute a discutere le leggi già applicate nelle sedi opportune, ma solo a farle rispettare“. Dunque nella gioiosa Gioiosa, nomen omen per ogni gay, la legge non sarà messa in atto in tempi brevissimi ma solo perché, dice il sindaco “per ora non ci sono state richieste“. Ma dichiara: “Siamo pronti per affrontare l’evenienza“. La Calabria dunque si conferma abbastanza ‘emancipata’ sulla questione del riconoscimento giuridico di diritti acquisiti. Anche se dalle parole del Sindaco Fuda sembra più una questione di dovere che di diritto. Per giunta, ci sono realtà contrapposte, come quella di Catanzaro, dove la comunità si spacca, ma il Sindaco Sergio Abramo, del centrodestra, ha spento ogni polemica sul nascere, dichiarando che pur non condividendo la legge la rispetterà.

Diversa invece è la situazione per il Comune di Bari, dove si prevede una posticipazione rispetto alla data calcolata, come ci conferma il Sindaco, Antonio Decaro, Partito Democratico. “Proprio oggi abbiamo attivato ufficialmente tutte le procedure necessarie per gli uffici della ripartizione demografici, che dal prossimo cinque settembre saranno a disposizione dei cittadini per accogliere le richieste di iscrizione di quanti vogliano certificare la propria Unione Civile. Abbiamo inoltre chiesto ad alcuni dipendenti della stessa ripartizione di attivare un servizio di ‘help desk’ per rilasciare tutte le informazioni relative alla procedura. Non sono stati previsti servizi speciali perché crediamo di dover adempiere ad un obbligo di legge, esattamente come accade per tutti gli altri servizi che il Comune assicura ai suoi cittadini“. Secondo il Sindaco non si tratta di un vero e proprio ritardo (anche se così sembra) rispetto alla tabella di marcia. “Abbiamo rispettato i tempi di legge e stiamo quantificando realisticamente i tempi necessari agli uffici per attrezzarsi giuridicamente“. Il Sud sembra faticare per mettersi al passo con gli altri paesi dell’Unione Europea. Un Mezzogiorno che a tal proposito si sta sì organizzando, ma a macchia di leopardo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore