martedì, Agosto 4

Unione Europea: è guerra alla plastica Come aumentare il riciclo? La Commissione europea presenta una strategia

0

Una nuova strategia rispetto alla plastica è stata presentata dalla Commissione europea. Lo scopo è quello di incentivare il riciclo, considerando che dei molti milioni di tonnellate di rifiuti prodotti ogni anno in Europa, ne viene riutilizzato solamente una piccola parte. A smaltire i rifiuti, spesso, Paesi terzi come la Cina. 

«Stiamo guardando alla fattibilità della tassa sulla plastica. L’approccio è quello dell’apertura mentale. Ci sono opinioni diverse sulla fattibilità e per questo la stiamo valutando» ha detto il portavoce della Commissione europea Alexander Winterstein. Secondo Frans Timmermans, primo vicepresidente della Commissione, «entro il 2030 tutti gli imballaggi in plastica sul mercato europeo dovranno essere riutilizzabili o riciclabili. Modificheremo la legislazione e stabiliremo quali imballaggi in plastica potranno essere immessi sul mercato per rendere più facile ed economico il riciclaggio».

Cosa prevede la nuova strategia europea?  Rendere riciclabili, nell’ Unione, tutti gli imballaggi in plastica entro il 2030; imporre limitazioni all’ uso di microplastiche nella realizzazione dei prodotti e nell’ utilizzo dei contenitori monouso in plastica; è stata aperta una consultazione pubblica che, fino al 12 febbraio, coinvolgerà le diverse parti; destinati 100 milioni di euro per l’ innovazione nel campo della produzione dei prodotti; l’ istituzione di alcuni indicatori per valutare i progressi.

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore