martedì, Ottobre 20

Unicef e i dati allarmanti sui neonati nel mondo 2,6 milioni non sopravvivono al primo mese di vita, circa 7.000 ogni giorno. 1 milione muore nel giorno stesso della nascita

0

Secondo il nuovo rapporto dell’Unicef ‘Ogni bambino è vita’, il tasso di mortalità dei neonati a livello mondiale rimane allarmante, in particolare nei Paesi più poveri. In particolare emerge che ogni anno, 2,6 milioni di neonati non sopravvivono al primo mese di vita. Facendo un calcolo sono circa 7.000 ogni giorno. Può bastare? No, perché un milione di loro muore lo stesso giorno in cui nasce.

Dal rapporto Unicef emerge poi che i bambini nati in Giappone, Islanda e Singapore hanno la probabilità di sopravvivenza più alta, mentre i neonati in Pakistan, Repubblica Centrafricana e Afghanistan la più bassa.

Nei Paesi a basso reddito poi la media del tasso di mortalità neonatale è di 27 morti su 1.000 nati. Nei Paesi ad alto reddito, il tasso scende a 3 su 1.000. Se poi mettiamo che i neonati dei luoghi a più alto rischio hanno una probabilità oltre 50 volte maggiore di morire rispetto a quelli nati nei Paesi più sicuri, il quadro, drammatico, è completo.

(video tratti dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore