lunedì, Settembre 28

Ulva, l’isola scozzese in vendita L'acquisto però non è per tutti: il costo infatti si aggira intorno a 4.250.000 sterline

0

Molti sperano nella vita di comprare la casa dei propri sogni. In Scozia invece c’è qualcuno che potrebbe realizzare un altro sogno: quello di acquistare una intera isola, tutta per sè. Si tratta di Ulva,  che fa parte dell’arcipelago Hebrides e che ha ispirato diversi poeti quali Beatrix Potter e Walter Scott. L’offerta includerebbe una grande abitazione e una decina di proprietà.

A Ulva, abitata da soli 16 persone, non esistono strade asfaltate, pub o negozi e l’unico modo per raggiungerla è mediante l’utilizzo di imbarcazioni. Il nome significa Isola dei lupi, il cui insediamento è stimato attorno al 5.600 a.C. La principale abitazione dell’isola si chiama Ulva House, un complesso di 7 stanze è stata costruita nel 1950, per sostituire una precedente abitazione rovinata durante un incendio. L’isola è poi  conosciuta per le sue barche a vela e per una grande varietà di fauna: 123 le specie di volatili presenti, oltre a balene, focene e delfini.

Dobbiamo dire però che l’acquisto di Ulva non è per tutti: il costo infatti si aggira intorno a 4.250.000 sterline.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.