giovedì, Novembre 14

Uganda: ritorna la legge ‘ammazza gay’, il Kill the Gay Bill Un nuovo grattacapo per Museveni, che già negli anni scorsi ha bloccato la legge. Ora la Chiesa cattolica remerà contro, ma il propositore, il Ministro a Etica e Integrità, Simon Lokodo, sta cercando l’appoggio dei protestanti e delle settembre

0

Venerdì 11 ottobre il Ministro ugandese della Etica e Integrità, Simon Lokodo, ha annunciato che verrà ripresentata al Parlamento la legge che prevede la pena di morte per omosessuali recidivi. Legge conosciuta sotto il nome ‘Kill the Gay Bill’ (Legge Ammazza Gay) «La legge contro gli omosessuali recidivi di atti sessuali contro natura o di atti di proselitismo e incoraggiamento alla omosessualità prevede la pena di mortemisura necessaria per bloccare il diffondersi dei satanici costumi importati dalle cosiddette ‘società libere’ occidentali che hanno corrotto i valori morali dell’Uganda, contaminando i nostri giovani», così Lokodo. Il testo della proposta è in fase di revisione. «Compito affidato ad un pool di giuristi accuratamente selezionato. La proposta di legge sarà presentata al Parlamento entro la fine di quest’annoMi dichiaro ottimista sulle possibilità che questa legge sia approvata in Parlamento. Abbiamo molti parlamentari che concordano con la necessità di porre un freno al dilagare di satanici costumi dove la sodomia e i rapporti tra persone dello stesso sesso sono incoraggiati da adoratori di Satana che giungono nel nostro Paese dall’Occidente per portare alla perdizione eterna la nostra gioventù»Questa, dunque, è la delirante dichiarazione in buganda (lingua ugandese) pronunciata dal Ministro Lokodo. Una dichiarazione simile, ma mitigata nei toniè stata redatta in lingua inglese per i media internazionali. Uno stratagemma spesso utilizzato da molti governi africani. Forti della scarsa conoscenza delle lingue locali da parte delle autorità diplomatiche e media stranieri, varie autorità africane creano un doppio binario comunicativo dove le dichiarazioni in lingua locale sono quelle che hanno valore. Le loro traduzioni in lingue europee sono spesso mitigate e servono solo per ‘addolcire la pillola’ presso l’opinione pubblica internazionale.

Il Anti Homosexuality Act noto come ‘Kill the Gay Bill’ ha una storia travagliata. La proposta di legge nasce 2009 da un seminario sui rischi della omosessualità nella società ugandese (Exposing the Homosexuals Agenda), organizzato da Stephen Langa, consigliere della setta estremistica cristiana Family Life Network, con sede in Pennsylvania. A supportare l’iniziativa di Langa è il famoso predicatore evangelico americano  Scott Lively, autore di vari libri contro l’omosessualità.

Langa e Lively coinvolgono James Nsaba Buturo (all’epoca Ministro della Etica e Integrità Morale) e il parlamentare David Bahati. Nell’aprile del 2009 inizia la stesura della proposta di legge che prevede la pena di morte per casi di omosessualità recidiva e proselitismo. Nel 2010 LangaButuro e Bahati preparano il terreno per poter presentare la legge al ParlamentoInizia una campagna di calunnie e diffusione di intolleranza e odio contro le minoranze sessuali che culminerà con la pubblicazione di una lista di nomi di presunti gay sul settimanale ugandese Rolling Stone. La lista denominata ‘100 Top Gay and Lesbians’ è composta da foto, nomi, indirizzi e numeri di telefono di presunti omosessuali, invitando la popolazione a sterminarli.

Il parlamentare Bahati tenta di sottoporre la legge all’approvazione del Parlamento nel 2011La legge non verrà mai discussa per ordine del Presidente Yoweri Kaguta Museveni, preoccupato per le ripercussioni internazionali di questa iniziativa.

Langa, Buturo e Bahati non si scoraggiano. Supportati politicamente e finanziariamente da Scott Lively e dal Family Live Network, cercano (ottenendolol’appoggio della first ladyJanet Museveni e del portavoce del Parlamento Rebecca Kadaga. Entrambe le donne sono molto influenti in Uganda, e note come estremiste religiose e fanatiche del moralismo ad oltranza.

Grazie al loro appoggio, il Parlamentare Bahati riesce a ripresentare la proposta di legge nel 2012. A distanza di soli due giorni dal dibattito parlamentare, il 13 dicembre 2012Rebecca Kadaga incontra assieme ad una delegazine di giudici ugandesiPapa Benedetto XVI presso la Basilica di San Pietro.

La benedizione elargita dal Santo Padre risulta ambigua. Una volta ritornata in Uganda Rebecca Kadaga trasforma la benedizione ricevuta in una benedizione al Kill the Gay Bill rifacendosi ai testi biblici e al Vangelo per dimostrare che l’omosessualità è contro natura e contro il volere di Dio. L’intento è chiaro: sfruttare la benedizione del Pontefice per fare pressioni sulle scelte di voto dei parlamentari in un Paese a maggioranza cristiana.  Papa Benedetto XVI non interviene sulla strumentalizzazione politica della benedizione elargita, rafforzando indirettamente Rebecca Kadaga. Scelta dettata dalle pressioni dalle chiese ugandesi Anglicana e Cattolica sul Santo Padre.

L’incontro presso la Basilica di San Pietro viene tenuto nascosto dal Vaticano. La politica discreta decisa dal Vaticano viene vanificata dalla divulgazione della  notizia da parte  del quotidiano ugandese ‘Daily Monitor’ e da un giornalista italiano che vive a Kampala, creando scalpore e un acceso dibattito sulle scelte del Pontefice, sia in Uganda che in Italia. La reazione delle associazioni gay italiane ugandesi e della associazioni internazionali in difesa dei diritti umani è immediata. Tutti convergono su una condanna del gesto del Santo Padre nel benedire una figura politica criticata a livello internazionale per voler introdurre la pena di morte contro le minoranze sessuali in Uganda. Anche i media italiani reagiscono a questa incomprensibile scelta del Pontefice.

Lo scandalo prende maggior consistenza in quanto una settimana prima della benedizione elargita a Kadaga il Santo Padre aveva dichiarato che i matrimoni gay erano una ferita alla pace e un’offesa contro la verità dell’uomo. Le prese di posizione omofobiche e il coinvolgimento con il Kill the Gay Bill sono contemporanee agli scandali di pedofilia all’interno del clero cattolico.

In un primo tempo il Vaticano reagisce tentando di negare l’errore del Santo Padre, definendo frottole le notizie divulgate dal quotidiano ugandese e dal giornalista freelance italiano a Kampala. «La Rete si è riempita di gente convinta che il Papa avesse dichiarato i gay nemici della pace e che avesse “benedetto” la speaker del Parlamento dell’Uganda» sentenzia ‘Famiglia Cristiana’. ‘Corrispondenza Romana’ definisce la notizia una ‘Bufala senza autore’. Tesi supportata dagli ambienti di estrema destra italiana, tra cui ForzaNuova.
Constatando che la tattica mediatica di negazionismo non funziona, ‘
Vaticano Insider’ e ‘l’Osservatore Romano’ proporranno una versione addolcita dell’incontro tra Kadaga e  Benedetto XVI, affermando che la benedizione era stata elargita a titolo personale.

Secondo la nuova linea di difesa del Vaticano, il Pontefice non sarebbe stato a conoscenza delle attività omofobiche della parlamentare ugandese.  Uscito dallo scandalo con un grave danno di immagine, il Vaticano decide di non appoggiare la legge ammazza gayDecisione vanificata dalla élite ecclesiale cattolica ugandese che continua la sua crociata a favore della pena di morte per gli omosessuali in Uganda.

Nel marzo 2014, il Vescovo di JinjiaCharles Martin Wamikapronuncia una omelia pasquale antigay istigando i fedeli al linciaggio. L’omelia scuoterà profondamente il mondo cattolico. Personaggi illustri della Chiesa Cattolica, tra i quali Eugenio Melandri, firmeranno una petizione per rimuovere il vescovo, promossa da Change.org. Petizione ignorata dal Vaticano.

L’astuzia di Rebecca Kadaga viene vanificata dal Presidente Museveni. Non potendo bloccare la discussione parlamentare, Museveni darà (discretamente) indicazioni ai parlamentari di votare contro. Il Kill the Gay Bill verrà ripresentato nel dicembre 2013Questa volta Museveni non riesce a far naufragare l’approvazione della legge in quanto necessiterebbe di appoggi politici delle chiese ugandesi Anglicana e Cattolica e a causa di forti dissensi all’interno della famiglia tra lui e sua moglie. Riuscirà solo a commutare la pena di morte in ergastolo. Nonostante la vittoria ottenuta, Janet Museveni e Rebecca Kadaga sono indignateVogliono a tutti i costi la pena di morte per gay e lesbiche.

L’approvazione della legge scatena la reazione della comunità internazionale con ingenti danni all’immaginedalle relazioni diplomatiche all’economia dell’Uganda. Stati Uniti e Unione Europea minacciarono di sospendere gli aiuti economici, mentre la Banca Mondiale, Danimarca, Norvegia, Olanda e Svezia sospendono gli aiuti umanitari allo sviluppo. Il Governo italiano sceglie un imbarazzante silenzio per non ‘guastare’ i rapporti con il Vaticano. Museveniconsapevole del danno internazionale di questa legge, attua una strategia per renderla vana, forte della sua machiavellica gestione del potere fin dal 1987, liberazione dell’Uganda dalla sanguinaria dittatura di Milton Obote.
Il Presidente agisce tramite il Primo MinistroAmama Mbabaziche dichiara la legge nulla in quanto la votazione non aveva raggiunto il quorum necessario (51%) a causa dell’assenza di molti parlamentari nel giorno della votazione. Immediatamente dopo la dichiarazione di Mbabazi, Museveni rifiuta di firmare la legge. Oltre alla dichiarazione di voto nullo da parte di Mbabazi, il Presidente si inventa un cavillo medico giuridicoVuole comprendere se l’omosessualità è dettata da fattori genetici o sociali.

Qualora sia un fattore genetico non sarebbe giusto punire un cittadino ugandese nato con questa ‘malformazione’ naturale. Ordina uno studio medico al Ministero della Sanità che conferma le origini sociali. Le conclusioni dello studio non lo soddisfano e affida un secondo studio a dei scienziati americani. In attesa di risultati chiari dichiara che non firmerà la legge, provocando il malcontento dei settori religiosi e politici reazionari ugandesi e forti contrasti familiari con sua moglie Janet.

Il Kill the Gay Bill verrà firmato dal Presidente nel febbraio 2014, a seguito di un baratto politicopresidenza, petrolio e omosessualità.  Durante un meeting del National Resistence Mouvement – NRM (partito al potere dal 1987) presso la località di Kyankwanzi, Museveni promette di firmare la legge antigay in cambio del supporto della dirigenza alla sua candidatura alle elezioni del 2016 per permettere di gestire la delicata fase di avvio della produzione petrolifera. Fase purtroppo non ancora avviata a distanza di 5 anni causa forte divergenze con le compagnie petrolifere europee Tullow, Total in contrapposizione con il governo e la compagnie cinese CNOOC.

Nonostante le pressioni subite e la firma della legge in cambio della candidatura alle presidenziali del 2016, Museveni non desidera che questa legge resti in vigorequindi trova un ultimo stratagemmavincenteIstruisce la Corte Costituzionale perché dichiari la legge anticostituzionale. Questo stratagemma salva la faccia del Capo di Stato ugandese. In agosto Museveni dichiara di sottomettersi al verdetto della Corte Costituzionale e annulla la legge.

A distanza di cinque anni le forze omofobiche, bigotte e reazionarie ugandesi ritornano alla carica attraverso il Ministro Lokodo che afferma di avere l’appoggio dello stesso Presidente Museveni. Affermazione sospetta che non trova conferme ufficiali. Fonti sicure affermano che Lokodi, Kadaga e la first lady Janet stanno ricreando la lobby antigay per convincere i parlamentari a votare la proposta di legge ricorrendo anche alla corruzione se necessario.

«L’omosessualità non è naturale ed è aliena ai valori degli ugandesi. È una degenerazione importata dagli occidentali che promuovono il reclutamento di gay presso le scuole corrompendo i nostri giovani con denaro e promesse di visti per Europa e Stati Uniti», ha dichiarato Lokodo alla Thomson Reuters Foundation. Gli argomenti utilizzati da Lokodo sono identici a quelli promossi cinque anni fa da Buturo e Bahati. Al momento gli originali fautori del Kill the Gay Bill non si sono pronunciati in sostegno all’iniziativa di Lokodo.

«Riproponendo la legge anti gay si rischia di promuovere in Uganda discriminazioni e atrocità inaccettabili», ha dichiarato Zahra Mohamed, direttrice della associazione caritatevole Stephen Lewsi Foundation di Toronto. «Quando la legge fu presentata cinque anni fa, si sviluppò un clima omofobico nel Paese che portò ad aggressioni contro omosessuali e lesbiche. Centinaia di persone LGBT furono costretti a fuggire dal Paese per timore delle loro vite. Furono anche criminalizzate le associazioni in difesa dei diritti delle minoranza sessuali», denuncia Pepe Julian Onziema, direttore della Sexual Minorities Uganda.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore