giovedì, Dicembre 12

Trump, prove di pace con Cina e Corea del Nord Sea Watch-Sea Eye: Ue al lavoro per risolvere la questione. Sventato un colpo di stato in Gabon

0

In Francia invece, nel giorno della commemorazione dell’attacco a Charlie Hebdo, sono sempre i gilet gialli a far parlare di sè. Dopo l’ennesima manifestazione, ecco che l’ex portavoce Jacline Mouraud, tra i rappresentanti dell’ala moderata del movimento, ha annunciato che sta lavorando alla creazione del proprio partito politico, battezzato ‘Les Emergents’, gli ‘Emergenti’.

Sventato un colpo di stato in Gabon.  I militari hanno tentato di prendere il potere nel Paese, dove la famiglia del leader malato Ali Bongo Ondimba regna da 50 anni. Un golpe che, a detta dell’esercito, doveva «ripristinare la democrazia». Poi in giornata il portavoce del governo, Guy-Bertrand Mapangou, ha invece confermato che la situazione è tornata sotto controllo e quattro dei capi golpisti sono stati arrestati, mentre un quinto è in fuga.

In Venezuela, un giudice della Corte Supera, Christian Zerpa, ex alleato del presidente Nicolas Maduro, ha lasciato il Paese per gli Stati Uniti, dove ha lanciato un duro attacco contro il presidente affermando che le  elezioni dell’anno scorso «non erano libere».Ma non è tutto, perché Zerpa, scappato per sottrarsi ad accuse di molestie sessuali, ha dichiarato che il presidente tende a manipolare sistematicamente gli affari della Corte Suprema.

Passiamo allo Yemen, perché Mohammed Ali Al Houthi, a capo dell’Alto Comitato Rivoluzionario degli Houthi, ha dichiarato che i prossimi negoziati di pace per trovare una soluzione al conflitto potrebbero essere organizzati ad Amman in Giordania.

In Malaysia, il successore di Mohammed V, che ha abdicato a sorpresa ieri in seguito al gossip scatenato dal suo matrimonio con una top model russa 25enne, sarà nominato il 24 gennaio. Lo riferiscono fonti ufficiali dopo una riunione del Consiglio dei governanti. Il nuovo sovrano giurerà una settimana dopo, il 31 gennaio.

Chiudiamo con il Sudan, dove almeno 19 persone sono morte e oltre 800 sono state arrestate durante manifestazioni antigovernative in corso in tutto il Paese. Secondo Amnesty International però le vittime sono 37.

Visualizzando 2 di 2
Visualizzando 2 di 2

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore