lunedì, Aprile 6

Trump in Polonia, e la NATO è al sicuro

0

Donald Trump è arrivato in Europa ieri sera, e ha scelto la Polonia, l’importantissimo partner NATO degli Stati Uniti, come meta del suo viaggio transatlantico in attesa del G20 in Germania. Adattandosi al clima politico del Paese, il Presidente cambia i toni del suo discorso:«Gli Stati Uniti sono impegnati a mantenere la pace nell’Europa centrale e orientale. Lavoriamo con la Polonia, in risposta alle azioni della Russia e al suo comportamento destabilizzante», dichiara Trump, determinato, a quanto pare, a smentire una volta per tutte le accuse di connivenza con il Cremlino da parte dei suoi oppositori, interni e internazionali.

I polacchi, guidati dal Governo conservatore di Andrzej Duda e Beata Szydlo, hanno accolto con calore il Presidente americano: file di ‘spettatori’ armati di bandiere polacche e americane hanno atteso il passaggio di Trump e della First Lady in areoporto e lungo le strade di Varsavia. Il motivo della visita è ufficialmente pratico ma altamente simbolico. La Polonia – confinante con il territorio russo di Kaliningrad, la Bielorussia e l’Ukraina, ed estremamente attiva nelle missioni in Iraq e Afghanistan – è un paese chiave nella NATO. Non solo: è anche tra le poche nazioni dell’Alleanza Atlantica che soddisfa i requisiti di partecipazione alla difesa occidentale pagando oltre la soglia del 2% del PIL. Nel suo discorso a Varsavia, Trump l’ha definita «il cuore geografico dell’Europa».

Il fatto che questa visita sia stata programmata prima del G20 e dell’attesissimo incontro con Vladimir Putin, è di per se eloquente ed evidentemente un messaggio rivolto alla comunità internazionale (i Paesi NATO in regola con i pagamenti restano al primo posto nella lista degli ‘amici’ degli USA), e agli avversari interni. Il viaggio, infatti, ha anche suggellato la vendita al Governo polacco del sistema di difesa missilistica ‘Patriot’ della Raytheon, made in USA: un contratto da 8 miliardi di dollari per «un’Europa forte e sicura», che sarebbe, nelle parole di Trump, «una benedizione per il mondo».

La ragione ufficiale della visita, invece, ha a che fare con l’energia, e le implicazioni geopolitiche dell’accordo non sono da sottovalutare. «Vogliamo garantire l’accesso a nuove fonti di energia», ha detto Trump a Varsavia, «perchè la Polonia e i suoi vicini non siano mai più ostaggio di un solo fornitore». La ‘frecciatina’ alla Russia è evidente. Il piano energetico – un’ambiziosa opera di sviluppo delle infrastrutture che attraversano il Continente da nord a sud, piuttosto che da ovest a est – verrà esteso a diversi Paesi ‘dei tre mari’ (da qui il nome ‘three seas plan’) Baltico, Adriatico, e Nero. Il viaggio e l’incontro in Polonia sono stati «davvero profiqui […] l’America non vede l’ora di estendere la partnership con voi, sicuramente ci saranno nuovi scambi», ha affermato Trump.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore