mercoledì, Ottobre 28

Trump: polemiche sulla figlia Ivanka alla Casa Bianca

0

E’ polemica sul ruolo della figlia di Donald Trump, Ivanka, alla Casa Bianca. La figlia prediletta di The Donald, che dopo essersi trasferita a Washington con marito e figlio aveva annunciato che non avrebbe svolto alcun ruolo formale, è ora al centro della scena.

Hanno fatto scalpore le immagini di Ivanka al fianco di Angela Merkel, segno che da ora in poi invece lavorerà a fianco del padre. E pensare che già suo marito, Jared Kushner, costruttore ebreo ortodosso, è uno dei più stretti consiglieri del presidente. Secondo le prime informazioni però Ivanka non avrà nessun ruolo ufficiale e nemmeno sarà pagata, anche perché una legge anti nepotismo del 1967 proibisce al Presidente degli Stati Uniti di assumere parenti e già la nomina di suo marito Jared a consigliere, pur approvata dal Dipartimento di giustizia, non è piaciuta a molti.

Ivanka avrà però accesso alle informazioni riservate e sarà dotata di telefoni e computer governativi criptati. Quindi avrà una certa influenza su Donald. Subito Ivanka ha fatto sapere che ha intenzione di sottoporsi alle stesse regole etiche di tutti gli altri dipendenti della Casa Bianca, ma non sarà un obbligo per lei, visto quanto detto sopra. Secondo il suo avvocato Jamie Gorelick,il ruolo della figlia del presidente sarà quello altra importante consigliera, proprio come ha fatto nell’azienda di famiglia. E chissà che con il marito Jared non pensino ad un futuro da coppia presidenziale.

(video tratto dal canale Youtube di USA Today)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.