sabato, Giugno 6

Texas: pro o contro l’aborto?

0

La Corte Suprema americana è profondamente spaccata, così come lo è anche la popolazione americana, sulla controversia riguardante la normativa sull’aborto che potrebbe ridurre drasticamente il numero di cliniche abortive presenti nello Stato del Texas. Gli otto giudici della Corte esprimono preoccupazione per una legge restrittiva del Texas che disporrebbe, tra le varie restrizioni, di tagliare di tre quarti il numero delle cliniche per l’aborto.

Quello di ieri, mercoledì 2 febbraio, è considerato uno dei più significativi casi sull’aborto condotto dalla Corte Suprema negli ultimi 25 anni, che si vede impegnata a gestire il caso texano.

La legge texana impone norme severe per i medici che praticano l’aborto e per gli edifici delle cliniche stesse. Quattro giudici conservatori, tra cui Anthony Kennedy, hanno espresso dubbi sui reclami da parte di chi pratica l’aborto. Kennedy ha anche suggerito di rinviare la causa ad un tribunale di grado inferiore per ottenere ulteriori prove sull’impatto della legge, compresa una valutazione della capacità delle cliniche texane di soddisfare la domanda di aborti.

Tuttavia, lasciare intatta la legge del Texas potrebbe incoraggiare altri Stati con legislazioni anti-aborto ad approvare leggi simili.

 

(video tratto dal canale YouTube di Associated Press)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore