domenica, Novembre 29

Test ok per la prima pillola anticoncezionale maschile Si chiama DMAU e potrebbe presto essere disponibile in tutte le farmacie

0

Si chiama DMAU e potrebbe presto essere disponibile in tutte le farmacie. Parliamo della prima pillola anticoncezionale maschile, la cui prima fase di sperimentazione è andata a buon fine.

Già nel 2017 si era parlato della possibilità di lanciare sul mercato una pillola anticoncezionale maschile, ma sembrava che gli effetti collaterali – in particolar modo quelli legati alla funzionalità del fegato – fossero troppo importanti per poter pensare a un farmaco di questo tipo. Ma lo studio del DMAU (dimetandrolone undecanoato) è andato avanti ed è stato presentato nel corso dell’ultimo congresso per l’endocrinologia degli Stati Uniti, Endo 2018.

La pillola anticoncezionale è stata testata su 83 uomini americani e ha superato egregiamente i test preliminari per la sicurezza e l’efficacia. Secondo i primi risultati, il farmaco ha provocato una decisa soppressione dei livelli di testosterone e di due ormoni necessari alla produzione di sperma nel breve termine. Solo pochi pazienti hanno riportato sintomi legati a carenza o eccesso di ormone. La pillola anticoncezionale maschile si è poi rivelata sicura per quanto riguarda la funzionalità epatica e renale, mentre sono stati riscontrati un lieve aumento di peso e una riduzione del colesterolo buono HDL.

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore