sabato, Giugno 6

Tesla pronta a fare ricco Elon Musk Gli azionisti della società leader nella produzione di autovetture elettriche di alta gamma hanno approvato il piano di remunerazione

0

Gli azionisti di Tesla, società leader nella produzione di autovetture elettriche di alta gamma, hanno approvato il piano di remunerazione di Elon Musk. Questo non prevede alcun compenso fisso, è legato alla performance borsistica del titolo e al conseguimento raggiungimento di specifici obiettivi operativi e prevede stock option per 2,6 miliardi di dollari.

In totale ben 12 tappe in 10 anni, con obiettivo finale quello di giungere ad una capitalizzazione di Borsa di circa 650 miliardi dollari.  All’amministratore delegato vengono concesse stock option da conferire in 12 queste 12 tranche, ognuna delle quali scatterà al raggiungimento di due obiettivi: uno è il valore di mercato e l’altro è o i ricavi o i profitti. Per ogni tranche Musk riceverà azioni pari all’1% di quelle della società al 21 gennaio 2018. La prima tranche scatterà se Tesla raggiungerà i 100 miliardi di dollari di capitalizzazione e 20 miliardi di ricavi o 1,5 miliardi di Ebitda, il margine operativo lordo.

Se gli obiettivi venissero centrati, alla fine dei 10 anni Musk potrebbe arrivare a possedere fino a 56 miliardi di dollari di azioni Tesla e oltre il 25% del gruppo automobilistico.

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore