sabato, Agosto 8

Terceira, addio alla base Usa. Ma non ai veleni Washington si appresta dire addio dopo 75 anni alla base aerea. La gente del posto chiede però ora che i residui tossici siano definitivamente portati via

0

L’isola atlantica del Portogallo, Terceira, nelle Azzorre, si appresta dire addio dopo 75 anni alla base aerea degli Stati Uniti. La gente del posto chiede però ora che i residui tossici siano definitivamente portati via. A confermarne la presenza gli scienziati, che hanno rilevato maggiori casi di cancro.

Gli Usa però negano tutto. «Entrambi i miei genitori sono morti di cancro, mia mamma di cancro al seno e mio padre con un diverso tipo di cancro», dice a ‘RuptlyMadail Avila, uno dei 55.000 abitanti di Terceira. «È una grande coincidenza che ci siano così tanti casi di cancro all’interno della stessa famiglia e nella stessa area geografica?».

«Quello che abbiamo è una serie di luoghi con livelli estremamente elevati di inquinamento causato da metalli pesanti, idrocarburi o PCB», afferma Felix Rodrigues, professore di fisica presso l’Università delle Azzorre, e politico locale. «Questi materiali entrano nella catena alimentare e si accumulano nel corpo. Siamo di fronte a veleni che sono nascosti sotto il tappeto».

Viene fatto notare ad esempio come negli ultimi dieci anni sia stata registrata la dispersione di 88.000 litri di carburante e il suolo è 50 volte più contaminato di altri ambienti in Europa.

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore