mercoledì, Novembre 25

Taiwan viaggia verso la legalizzazione del matrimonio gay

0

Taiwan è pronta ad introdurre nel proprio ordinamento il matrimonio tra persone dello stesso sesso. I giudici del Consiglio costituzionale della nazione asiatica hanno infatti preso una decisione storica, attesa da tempo dai difensori dei diritti gay dell’isola, dichiarando incostituzionale la norma che limita il matrimonio alle unioni tra uomini e donne.

I giudici supremi dovevano esprimersi su due ricorsi attraverso i quali veniva sollevato un dubbio di costituzionalità rispetto alla norma del codice civile che prende in considerazione unicamente il matrimonio eterosessuale. E in effetti è risultato che la disposizione è incompatibile con il dettato della Carta, dal momento che essa impone la libertà di sposarsi nonché l’uguaglianza tra tutti i cittadini. Taiwan dovrà a questo punto rivedere la legge e per questo motivo diventerà il primo Paese asiatico a legalizzare le nozze gay.

Una proposta di legalizzazione dei matrimoni gay era stata presentata a dicembre dal partito progressista di Tsai Ing-wen, la presidente di Taiwan ma numerose proteste delle forze politiche conservatrici e religiose si erano alzate e avevano bloccato il progetto. ma stavolta si crede che la sentenza della Corte costituzionale possa garantire un sostegno sufficiente a convincere i politici indecisi ad approvarla. Possibile che la nuova norma arrivi anche in tempi brevi.

(video tratto dal canale Youtube della CNN)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.