Navigazione: Transitional Military Council

Sudan: opposizione divisa lascia decidere alla popolazione Le forze rivoluzionarie di ALC al loro interno non riescono trovare un accordo sulle condizioni da sostenere nella trattativa con i militari, così passano la parola alla popolazione, ancora non si sa quando e come, mentre da oggi sciopero generale di 2 giorni
di

L’emergere delle due fazioni all’interno della direzione rivoluzionaria comporta il rischio che il movimento si frantumi. Eventualità a cui il TMC sta lavorando sotto banco, mentre rinsalda i rapporti con le monarchie arabe

Sudan: la giunta militare sceglie l’arma della violenza Sospesi i colloqui, per 72 ore, tra militari e civili per la formazione del governo di transizione e richiesta dei militari di sospendere le manifestazioni; SPA rifiuta e si allea con i gruppi armati
di

Emergono nuovi attori politici-militari, i gruppi ribelli; le forze d’élite -RSF e NISS-, che negli ultimi quattro anni hanno ricevuto ingenti finanziamenti, armi e addestramento militare dalla UE pronte a reprimere nel sangue al rivoluzione

Sudan: la giunta militare usa le milizie islamiche contro la rivoluzione Nessun accordo tra civili e militari e le Rapid Support Forces in pista contro il movimento rivoluzionario, per costringere la piattaforma politica Declaration Freedom and Change ad accettare una transizione controllata dalla giunta militare
di

La SPA ha invitato la popolazione ad aumentare la pressione e le proteste, avvertendo i generali di essere in grado di trasformare le manifestazioni in una Intifada a livello nazionale e allo scontro armato

Sudan: rischi di contro-rivoluzione Le trattative tra il Consiglio Militare di Transizione e i manifestanti riuniti nella piattaforma ‘Freedom and Change’ si sono interrotte al terzo round di colloqui. I militari tenterebbero la contro-rivoluzione
di

SPA ha dichiarato che il Consiglio Militare non è altro che una nuova versione del vecchio regime, ma allora se il TMC è in realtà il vecchio regime che tenta di sopravvivere, perché considerarlo un interlocutore politico? Prime crisi della rivoluzione di velluto dei borghesi