Navigazione: Storia

L’archeo-fisica per Tutankhamon Franco Porcelli: "Non c’è la “ camera segreta” di Nefertiti nella tomba del Re fanciullo, occorre lavorare in team, Indiana Jones non basta più"
di

Sfuma così una leggenda che è stata anche un’ipotesi archeologica suggestiva, ma quando la scienza affina i propri  strumenti e metodi d’indagine, si riducono gli spazi occupati dalla fantasia o dall’approccio empirico ed intuitivo ai fenomeni dell’antichità.

Aldo Moro: vittima di disorganizzazione dello Stato e dilettantismo politico delle BR 1978 - 2018: 40 anni fa l’attacco più violento alla Repubblica Italiana. Che USA e URSS non vedessero di buon occhio l’operazione politica del Compromesso Storico è un fatto, ma da qui ad affermare che ci fu la mano delle superpotenze ce ne corre.
di

Gli equilibri geopolitici usciti fuori dalla II Guerra Mondiale prevedevano un’Italia nell’orbita USA, e quindi tale soluzione non era concepibile a meno di non creare un conflitto nel cuore stesso dell’Europa

A Sud del Sudan: l’orizzonte della pace tradito. E l’Italia? Guerra perenne e riconfigurazioni territoriali. Prospettive di lettura, nell’ambito di un ‘ravvicinamento’ italiano ed europeo in grado di guardare al di là del passato coloniale
di

Non possiamo ignorare il fatto che la macro-regione del Corno d’Africa è indissolubilmente legata alla storia italiana. Per ciò che riguarda il Sudan e il Sud Sudan, Paese off-limits per le guerre e il lungo embargo subito, l’Italia è attiva con progetti di cooperazione allo sviluppo e di intervento umanitario. Si prospettano anche nuovi rapporti con le imprese italiane per il bisogno urgente di infrastrutture.

Quel progressismo omeopatico che accarezza gli istinti L'inerzia risucchia il progressismo italiano verso un punto preciso che si chiama neutralità: è l’attuale orientamento dell’area progressista
di

Se non facciamo costantemente memoria, la storia si impasta in un grumo indistinto di avvenimenti, tutti dello stesso sapore, la via più diretta per arrivare alla neutralità, paralizzando l’elettore, che si chiederà perché dovrebbe impegnarsi a scegliere la sinistra piuttosto che la destra