Navigazione: sicilia

La Sicilia che vota e, distrattamente, scompare In Sicilia si rema quasi tutti dalla stessa parte, quella sbagliata, c’è uno Stato pagatore e politici locali che comprano voti distribuendo ciò che arriva da quello; chi rompe questo patto viene spento
di

La Sicilia merita di sopravvivere a se stessa, dico ‘a se stessa’ perché è causa di tutti i suoi mali, nessuno escluso, ma andrebbe riprogrammata, innanzi tutto con una gigantesca Norimberga per tutti coloro che si sono alternati al potere, da estendere alle coscienze degli elettori predoni

La Caporetto annunciata del PD in Sicilia Renzi: comunque vada non mi dimetto, dice, e ignora il voto siciliano, consegnato a M5S e FI
di

Renzi non conta tanto sulla fiducia che è capace di suscitare, quanto sul fatto che l’elettorato lo percepisca e lo scelga come il male minore, sottovalutando che non è più tempo del montanelliano «Votate e turatevi il naso». Oggi è molto più ‘facile’ un rigetto totale dei soggetti politici in campo, oppure un voto di ‘reazione’