Navigazione: Sahel

Libia 2018: cosa aspettarsi nell’anno delle elezioni? Con Arturo Varvelli, (Analista Senior ISPI) facciamo il punto sulla situazione attuale e sugli scenari futuri della Libia
di

‘Per avere una piena democrazia non sono sufficienti libere elezioni ma è necessaria tutta una serie di cautele e di bilanciamenti che non sono presenti attualmente in Libia: Haftar è consapevole che far deragliare il processo democratico conduce il Paese tra le sue braccia; o quanto meno questa è la sua speranza, la sua strategia’

Ecco i conflitti da tenere d’occhio nel 2018 – Parte II Il report del Crisis Group sulla pericolosità delle 10 crisi del mondo odierno
di

Nella giornata di ieri abbiamo pubblicato un articolo riguardante le criticità rappresentate da: Corea del Nord, USA-Arabia Saudita, Afghanistan, la crisi Rohingya in Myanmar e Bangladesh e quella nello Yemen. Nella seconda parte, ci occuperemo dei conflitti in Siria, Sahe, Repubblica Democratica del Congo, Ucraina e Venezuela,

NATO: Napoli, l’Italia, gli USA e l’UE
di

Le difficoltà dell’Amministrazione Trump (sempre più nelle mani dei Generali), hanno fatto fare al Presidente USA molti passi indietro, sia per quanto riguarda i rapporti con la Russia, sia per quanto riguarda il disimpegno nel Mediterraneo: ecco che la NATO torna ad avere un nuova centralità e, con essa, il nuovo Centro di Napoli acquisisce una grande importanza strategica

Africa subsahariana: Italia in prima linea sul fronte sud
di

L’Italia ha iniziato ad occuparsi di quest’area in maniera sistematica, piuttosto che dedicarsi a tale regione una tantum. A partire dal 2014 si è mantenuto un certo livello di attenzione su tali tematiche. Non a caso anche all’interno del recente G7 è stato ritagliato un ruolo importante per i Paesi africani