Navigazione: politica estera

Turchia pronta a invadere la Siria: chi ha visto Di Maio? L’invasione turca vorrebbe dire guerra totale nel nord della Siria tra turchi e curdi e quindi nuovi flussi di migranti e profughi che non andranno più in Turchia, ma in Europa. L’Italia avrebbe potuto e saputo avere un ruolo, se avessimo una politica estera e un Ministro degli Esteri
di

Che l’interesse dell’Italia e della UE sia di evitare che scoppi l’inferno è evidente. Ma per farlo occorrerebbe una politica estera e certo che con un Presidente del Consiglio in odore di aver aiutato Trump in cose non proprio onorevoli, per di più con un non-Ministro degli Esteri, è dura

Ohibò! la politica estera fa notizia in Italia! parola dell’ISPI Come, quanto e perché la geopolitica è entrata nella dieta informativa dell’italiano. C’è lo spiega Arturo Varvelli, ricercatore e Direttore del Programma per il nord Africa dell’ISPI
di

Tre fasce d’età si interessano all apolitica internazionale, i giovani e gli adulti dai 25 ai 34 anni, e gli over -55. Crescono i diciottenni. Nel 2016, il 26% degli italiani si interessava alle notizie internazionali, mentre quest’anno si è registrata una crescita dell’8%, che vede, quindi, il 34% del popolo italiano interessato a riguardo.

Italia prigioniera del ‘pregiudizio di conferma’? Il sondaggio del LAPS raccontato da Pierangelo Isernia, Professore di Relazioni Internazionali e Metodologia della Scienza Politica dell’Università di Siena
di

Il ‘pregiudizio di conferma’ (o ‘confirmation bias’), un meccanismo cognitivo che ci porta a riordinare elementi di realtà secondo le nostre convinzioni pregresse, diventa una funzione-chiave della comunicazione politica, oggi potenziata dal ricorso ai social network.