Navigazione: partito

Renzi, la democrazia del capo, purché sia carismatico La sua idea di partito e di politica è quella del capo carismatico unico, indiscutibile e invitto, la sua concezione rozza e superficiale della democrazia corrisponde come una goccia d’acqua a quella degli stellini e della Lega
di

La democrazia del sì o no, ma mai del fornire gli strumenti per giudicare e decidere. La democrazia del ‘ghe pensi mi’, del ‘comando io’, e se tu non sei d’accordo vattene o taci

Sto con Katia: dirigenti di quel ‘coso’ chiamato PD, andatevene tutti! Dirigenti di che? dirigenti perché? chi li ha messi lì? perché sono ancora lì? Nuntereggaepiù. Loro sono lì, perché sono loro e perché sono lì, punto. Katia, chi sei tu? Tu stai lì a fare numero, sei la ‘base’, o quel che ne resta
di

Io lo avevo detto, in tempi non sospetti, ‘Cari leader tutti del PD, via, via da qui’, e lo ripeto. Intanto loro, i dirigenti, si preparano con i soldi a fiumi delle loro fondazioni alla danza delle primarie

Cina: la leadership di Xi Jinping Il 19° Congresso del Partito Comunista Cinese, tra economia, politica interna ed estera. L' intervista a Filippo Fasulo, coordinatore CeSIF e ricercatore ISPI
di

Interpretare quale sia la dinamica di consenso all’ interno del Partito e all’ interno della popolazione sono temi complicati. L’ impressione che si ha è che Xi abbia molto consenso nel Paese, forse più che nei vari circoli all’ interno del Partito. Sono però dinamiche molto complesse.