Navigazione: Opec

La grande bufala dell’Europa green Tutti siamo per la lotta al cambiamento climatico, ma le direttive, gli obiettivi, le politiche unanime, principalmente le volontà, non esistono o sono confuse. La fotografia dell’Europa oggi è quella di un Triangolo Utopico diviso tra Green ed Oil
di

Le linee politiche del Green e solo Green, faranno diventare il Continente Europeo un assurdo ed utopistico Eden verde vicino alla tanto amata ed odiata Germania, che intanto organizza la Conferenza sulla Libia

Petrolio, a che punto siamo Il Petrolio mondiale oggi vive una crisi, non tanto economica, ma una crisi d’identità, ovvero non riuscire più a dare una connotazione geografica e di quote di mercato ad una delle risorse più antiche del nostro pianeta: l’Idrocarburo
di

Una volta si diceva Opec per dire di quella politica di ‘Cartello’ che regolava e condizionava le strategie politiche ed economiche internazionali. Oggi siamo qui con due potenze, diversi Stati e tutti con la voglia di essere leader di settore

Opec a rischio di morte? Il petrolio è di chi lo ha, non di chi lo gestisce! L’Opec come lo abbiamo conosciuto fino ad oggi a rischio di morte, o forse la sua morte è già stata sancita con l’affermazione di OpecPlus. Ne parliamo con Michele Marsiglia, Presidente di FederPetroli
di

“Chi meglio riuscirà a gestire gli accordi commerciali One to One farà profitto”, “Se l’Opec chiude i battenti oggi, i produttori di champagne anche in Medio Oriente avrebbero un aumento di fatturato. Ogni Paese Membro sarà libero di gestire le proprie politiche petrolifere, tradotto in dollari sono cifre difficili da pronunciare e stabilire”.

Navi nel Golfo dell’Oman: la Sarajevo del futuro conflitto offshore? Il Golfo di Oman, che conduce allo stretto di Hormuz, il Bab El Mandab ora sembra un teatro di guerra possibile: lo dicono gli analisti americani e operatori europei come Michele Marsiglia di FederPetroli Italia
di

Si consideri che le sponde dello stretto di Bab El Mandab sono Gibuti e Yemen: a Gibuti sono presenti le basi militari di Stati Uniti, Francia, Giappone, Cina, Arabia Saudita, Italia; nello Yemen è in corso una delle guerre più sporche di questi anni, che vede coinvolte Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Iran

Venezuela: ecco l’‘astratta operazione’ USA di conquista del petrolio di Maduro Michele Marsiglia, Presidente di Federpetroli Italia ci spiega cosa succede dietro la cronaca venezuelana: “Situazione simile a Usa-Iraq nell’era di Saddam Hussein”, “più petrolio venezuelano in America con percorso obbligato: come se gli Stati Uniti acquistano greggio a prezzo scontato, imponendo le sanzioni su altri
di

“Assisteremo ad una rivoluzione delle agreement economici-commerciali sul piano internazionale. Guaidò: un ‘dipendente’ della Casa Bianca, ma gli operatori economici internazionali non stanno valutando positivamente questo fattore, e neanche le aziende petrolifere”