Navigazione: NCP

Sudan: complotto arabo-israeliano per sostituire Bashir con il ‘boia di Khartoum’ Salah Gosh avrebbe incontrato il Direttore del MOSSAD con la mediazione congiunta di Egitto, Arabia Saudita, Emirati Arabi; concordi a mollare Bashir anche USA e Francia, mentre della posizione italiana non si sa nulla
di

“Un Sudan post-Bashir potrebbe implodere creando una situazione come in Libia o Somalia, le cancellerie dei Paesi ‘amici’ cercano l’uomo alternativo all’interno del partito di Governo”

Sudan, Bashir passa il bastone del comando? Il Presidente avrebbe espresso la volontà di uscire dalla scena politica del Paese e indicato un successore. Ma l'operazione non è per nulla facile e scombina i piani europei e americani
di

Mohamed Tahir Ayala è stato indicato da Bashir, un volto che potrebbe essere gradito all’Occidente; a contendergli la poltrona c’è il Primo Ministro Bakri Hassan Saleh; un nuovo mandato di Bashir è quanto sperano gli estremisti islamici interni al partito di Governo