Navigazione: movimento5stelle

Italia? Più che un medioevo, una Palestina dell’epoca romana -sperando nel Rinascimento- La crisi politica italiana: prospettive e riflessi. La parola a Stefano Fait, analista di macrotendenze
di

Il voto del 4 marzo ha lo stesso potenziale di riverbero globale del Brexit. Ha stabilito che, per la prima volta, nell’Europa occidentale (quella che si considera più civile) una grande nazione con un peso specifico sufficiente a far cambiare rotta all’intero continente è nella posizione di poterlo fare. Molti hanno notato che i rappresentanti più in vista del partito democratico esternano opinioni e valutazioni che sembrano far trasparire un malcelato auspicio che una catastrofe economico-finanziaria si abbatta sugli elettori italiani, a fini pavlovianamente rieducativi: devono imparare a votare come si conviene.

L’altra Europa dei Pirati La voce di un ricercatore e due attivisti: capiamo il presente e il futuro del Partito dei Pirati
di

In Italia è un fenomeno di dimensioni ridotte, ma in molti Paesi europei è tutt’altro che marginale. Dal caso nostrano a quello svedese, dalla genesi del 2006 alle elezioni ceche e islandesi del 2017, abbiamo attraversato il tempo e lo spazio per capire non solo il futuro dei Partiti Pirata europei, ma il destino del web in politica. Mentre si allunga l’ombra della “crisi della democrazia rappresentativa”, nuove forme di partecipazione vorrebbero “integrarla” e “completarla”. I “vecchi” partiti sapranno raccogliere la sfida?
[purchase_link id="268583" text="Acquisto" style="button" color="red"]


Se preferisci non acquistare il singolo PDF ma entrare nella nostra Membership (Memberhip Mensile, Membership Annuale, Membership Semestrale e Membership Trimestrale) utilizza i seguenti bottoni.
Accedi Registrati al Membership
Rosatellum all’estero: il solito paradosso italiano L’emendamento che introduce la candidabilità dei residenti in Italia all’estero secondo il giornalista Luca Marfé e l’ex Sottosegretario al Ministero degli Affari Esteri Franco Danieli
di

“Resta infine l’errore di fondo, rilevato da illustri esponenti bipartisan della nostra democrazia, di aver blindato tutto questo attraverso il meccanismo della fiducia. La sensazione è che la politica in Italia si stia intestardendo nel rifuggire dal giudizio degli elettori che, di punto in bianco, nel silenzio delle urne, potrebbero dare vita ad una sorpresa destinata a rimanere impressa nella storia del nostro Paese”