martedì, Agosto 4

Navigazione: marijuana

Canapa e Canada: il binomio è vincente L’industria della canapa è destinata a raggiungere 1 miliardo di dollari nelle vendite entro il 2023 e 3.000 nuovi posti di lavoro
di

L’industria canadese della canapa continua a crescere. Attesi i cambiamenti nella normativa canadese che dovrebbero dare una svecchiata alla legislazione. Secondo gli studi, con un regime normativo modernizzato, l’industria della canapa agricola è destinata a raggiungere fino ad 1 miliardo di dollari nelle vendite entro il 2023, creando 3.000 nuovi posti di lavoro nei prossimi cinque anni. Poco fa, Aurora Cannabis di Vancouver ha offerto circa 3 miliardi di dollari per acquisire il produttore rivale MedReleaf, una mossa che gli consentirà di avere una posizione in cima alla produzione mondiale.

Stati Uniti: la canapa non è marijuana. Ed il mercato decolla… forse Un’industria che vale milioni di dollari. Una normativa che tarpa le ali. Tutti i perché della produzione di canapa negli Stati Uniti
di

Negli Stati Uniti aperta la strada alla legalizzazione della canapa industriale. Ad oggi, la canapa è usata negli alimenti, nel tessile, nei prodotti di carta, come materiale da costruzione, come carburante, ma anche per fornire sollievo per una lunga lista di malattie. Un mercato dalle potenzialità enormi e la nuova probabile svolta con l’Hemp Farming Act del 2018.

Marijuana: lo Zimbabwe la legalizza per uso medico «Solo i produttori che accetteranno le rigide direttive del Ministero della Sanità e i periodici monitoraggi sulla produzione potranno ricevere la licenza»
di

Per richiedere la licenza di coltivazione è necessaria la cittadinanza zimbabwana. Nel caso di ditte miste è necessario una partecipazione azionaria autoctona pari al 60%. La legge investe il Ministero della Sanità a decider la quantità massima di cannabis coltivata distinguendo la vendita di marijuana fresca o secca.