Navigazione: legge elettorale

Referendum sul maggioritario: e ora Renzi che farà? La parabola di Renzi, che ha in mano le sorti del Governo. La legge elettorale primo banco di prova per capire quanto il PD e il Governo potranno ‘stare sereni’ con lui
di

Renzi il furbo, abile, brillante, pronto, Renzi il cinico, faccia di bronzo, spregiudicato; Renzi al quale il il confronto faccia a faccia non gli si confà, lui parla via Facebook, Twitter e le TV; lui che alla fine è un bambinone vile, un Don Abbondio nel Paese dei Don Abbondio

Altro che larghe intese. Il Rosatellum aiuta la governabilità Tutti parlano di ingovernabilità, ma il Rosatellum tende a dare una maggioranza al Paese. Ne abbiamo parlato con Lorenzo Pregliasco di Youtrend.
di

In particolare il Rosatellum, legge elettorale con la quale si voterà il prossimo 4 marzo, è un sistema di tipo misto.  Se prendiamo ad esempio la Camera dei Deputati, dei 617 membri che vengono eletti sul suolo nazionale (12 nella circoscrizione estero), 386 vengono attribuiti con sistema proporzionale su base nazionale, mentre i restanti 232 sono assegnati con un sistema maggioritario in collegi uninominali.

Italia nella Ue: serve accordo sulla legge elettorale
di

‘Il problema non è l’Europa, ma noi: un Paese civile non può vivere senza un governo stabile e capace. Al momento non c’è una proposta di legge elettorale che abbia un minimo di sostanza e di accordo politico. Come se ne esce? Forse arriverà la Troika, o comunque saremo soggetti ad influenze esterne’

Possibile road map per il voto a settembre
di

Renzi vuole il voto anticipato, non importa con quale sistema elettorale; a Berlusconi preme scongiurare i collegi uninominali, poi si voti quando si vuole. Grillo non pone problemi, né per le elezioni, né per il sistema elettorale, Lega pure. Ma Mattarella le elezioni anticipate non le vuole

Legge elettorale: la proposta di YouTrend
di

‘E’ un sistema misto: metà maggioritario, con collegi uninominali, metà proporzionale. La nostra proposta è probabilmente quella che avrebbe più chance di mettere d’accordo una larga maggioranza trasversale’

Renzi è il padrone del PD; stravince, ma non convince
di

La corsa ad ostacoli è appena iniziata. Gli ‘ostacoli’ prossimi venturi: Elezioni amministrative; disoccupazione e la ripresa che non decolla, legge di stabilità, legge elettorale, e poi i problemi interni con l’ala cattolica e quella centrista e Orlando che vorrà il suo 20% nelle liste delle prossime politiche