Navigazione: informazione

Coronavirus e i danni della (dis)informazione: paura e dipendenza, peggio del virus Ricerca della Società Italiana di Intelligence sul contagio della comunicazione istituzionale e dei social. Il risultato che si evince è quello di un'emergenza e di una psicosi subìta da parte della popolazione italiana
di

Uno shock comunicativo che ha modificato bruscamente in maniera drammatica la narrazione della malattia. Nella città virtuale in cui la maggior parte della popolazione è costretta a vivere, «la disinformazione si propaga con la stessa aggressività del virus biologico

Elkann, Salvini, giornali e sovranisti: incubo di un giorno di principio inverno La Cir dei De Benedetti vende il 43,7% di Gedi alla Exor degli Agnelli: perché ora? Ora, nel mezzo dello scontro tra la destra ‘a-democratica’ all’attacco dell’Europa e la sinistra alla ricerca di se stessa e sempre in difesa. Qualche domanda al limite dell’assurdo giusto per provare a venirne a capo
di

L’Europa se assomiglia ad uno Stato rischia di diventare la palla al piede ultima ai grandi progetti industriali di una enorme multinazionale come l’ex gruppo FIAT, liberatosi dell’Italia, scalcinante verso gli USA, sempre più al di sopra degli Stati

Fake news e prescrizione Made M5S Che un partito politico, sia pure diretto da un comico e da una società privata di pubblicità, giunga a questo punto di falsificazione della verità è più che scandaloso. E la prescrizione andrebbe affrontata se se ne è capaci, pensando al problema, non alla propaganda
di

E’ proprio sicuro avvocato Bonafede che i cittadini vogliano l’abolizione della prescrizione? E parliamo della luce sinistra sulla recente ‘assegnazione’ della direzione dei telegiornali RAI

Alex Zanotelli: giornalisti italiani ‘rompete il silenzio sull’Africa!’ L’appello per una corretta informazione sull'Africa per contrastare la propaganda della destra europea che sta producendo la paranoia dell'invasione e la xenofobia noi lo abbiamo raccolto da anni
di

“So che i mass-media, purtroppo, sono nelle mani dei potenti gruppi economico-finanziari, per cui ognuno di voi ha ben poche possibilità di scrivere quello che veramente sta accadendo in Africa”… qualcuno lo fa