Navigazione: indipendenza catalogna

Catalogna al regolamento di conti tra indipendentisti, guardando a Madrid Lo scontro interno al tanto affollato mondo che ondeggia tra indipendentismo e secessionismo sarebbe alla base delle manifestazioni che infiammano la regione. Nel mirino anche i futuri equilibri politici nazionali
di

C’è chi parla di strategia della tensione messa in atto da ‘pezzi’ del movimento indipendentista con in obiettivo anche il Governo di Madrid, interrompere la corsa di Sánchez

Catalogna: dichiarazione di indipendenza o atto eversivo? Fulco Lanchester, professore ordinario di Diritto costituzionale italiano e comparato dell’Università “La Sapienza" di Roma, commenta la proclamazione della Repubblica da parte del Parlamento catalano
di

La votazione è stata a scrutinio segreto e la mozione è stata approvata con 70 voti a favore, 10 contrari e 2 schede bianche. Il premier spagnolo, Mariano Rajoy, ha definito il voto “un atto criminale”.

Catalogna: quel gran pasticcio dell’indipendenza che, più che sospesa, è simbolica, anzi, giuridicamente inesistente La dichiarazione di indipendenza è stata firmata dalla maggioranza dei membri del Parlamento catalano, si, ma non ha validità giuridica in quanto firmata fuori nell’emiciclo, in una stanza adiacente. E non è un particolare
di

Questa mattina il Governo spagnolo deciderà quali misure in risposta, tra queste all’esame vi è il commissariamento della Catalogna. Una dichiarazione senza validità giuridica può essere considerata una ‘violazione della Costituzione?

Hola Catalogna, ci siamo. Indipendenza sì, ma quale? E’ arrivato il giorno più lungo, alle 18 Puigdemont parlerà al Parlamento: ecco tutte le opzioni in campo per la Generalitat e per Madrid
di

Indipendenza unilaterale, Indipendenza simbolica, Indipendenza sospesa, non indipendenza: sono le opzioni che ha Puigdemont; Madrid, da parte sua, potrebbe rispondere con: sospensione totale o parziale dell’autonomia della Catalogna, stato di crisi, stato di allarme, stato d’emergenza, stato d’assedio

Catalogna, che farà Pugdemont con i catalani no pro-indy? Intervista esclusiva con Alistair Ian Spearing Ortiz, dell'European Officer della Junta Nacional Catalana e membro di Horitzó Europa
di

“…Se il Governo spagnolo… tentasse di arrestare il Presidente Puigdemont, i catalani tornerebbero di nuovo nelle strade e nelle piazze per difendere le istituzioni e i rappresentanti politici della Generalitat, sempre in maniera pacifica, ma allo stesso tempo massiva.”

Catalogna: la mediazione della Chiesa per fermare l’escalation Juan José Omella, arcivescovo di Barcellona, e l’abate di Montserrat, Josep Maria Soler, sono i negoziatori che la Catalogna vorrebbe usare per tentare di mediare
di

La Chiesa sarebbe disposta a tentare un’opera di mediazione. In prima linea vi sarebbero le principali gerarchie ecclesiastiche spagnole, regista il Segretario di Stato Parolin. Il Vaticano contrario a ogni atteggiamento non basato sul rispetto della ‘legalità costituita’ e a un’autodeterminazione che non scaturisca da un processo di decolonizzazione

Catalogna: verso il 9 ottobre, con in sottofondo rumore di sciabole e fregate in movimento Lunedì 9 ottobre Puigdemont riferirà al Parlamento catalano l'esito del referendum; la dichiarazione dell'indipendenza potrebbe arrivare tra il 9 e il 12 ottobre. Intanto Madrid manda segnali con Esercito e Marina
di

Lunedì Puigdemont e i parlamentari catalani andranno a «valutare i risultati e gli effetti» del referendum e se vorranno rispettare la legge da loro stessi scritta dovranno concludere con il procedere alla dichiarazione dell’indipendenza. Il Ministero della Difesa ha ordinato l’invio in Catalogna di unità dell’Esercito; anche 3 fregate in arrivo a Barcellona