Navigazione: gran bretagna

Libia: civili e migranti intrappolati tra Haftar, al-Sarraj e gli eserciti stranieri 45.200 sfollati, 376 morti civili, 1.822 feriti, 3.340 migranti intrappolati in centri di detenzione nelle aree degli scontri; servizi segreti, forze speciali, eserciti di Italia, Francia, Stati Uniti, Gran Bretagna, Paesi del Golfo: uno dei volti della guerra per procura che si sta combattendo nel Paese
di

Mentre tutti i riflettori sono puntati su chi vincerà la battaglia finale per il controllo della Libia , la sorte dei civili e dei migranti passa in secondo piano rispetto alla rischio che corrono le attività petrolifere e le infrastrutture energetiche

Sudan: due poteri, l’uno contro l’altro, rischio di guerra civile Partiti di opposizione e SPA hanno creato un contro potere, il Transitional Council, formato solo da leader civili; se, come pare, i Paesi occidentali appoggeranno la giunta militare lo scontro sembra inevitabile
di

Vive le preoccupazioni delle diplomazie europee, in particolare Francia, Germania, Gran Bretagna e Italia, che hanno supportato al-Bashir e ora sembrano approvare la giunta militare, controllata dietro le quinte dal criminale di guerra Salah Gosh

Sudan: i militari aprono il dialogo con la rivoluzione, e in segreto incontrano gli ambasciatori occidentali Questa sera la Giunta incontrerà, in una località segreta, a porte chiuse, gli ambasciatori di Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia, Russia, Stati Uniti. Arabia Saudita, Emirati Arabi e Qatar
di

National Congress Party, non potrà partecipare alla transizione in quanto responsabile degli errori del passato, Omar al-Bashir, non sarà consegnato alla CPI, forse in partenza per un esilio dorato

Imperatore Tewodros II: tornato a casa in Etiopia, in attesa di demitizzazione La Gran Bretagna ha restituito le lunghe trecce di Tewodros II all’Etiopia, ecco perché l’evento è così importante. Ma il mito attende di essere messo in archivio da un Paese aspira diventare il cuore pulsante dell’Africa
di

Personaggio controverso, innalzato a eroe nazionale e simbolo dell’Etiopia dopo la caduta del regime di Mengistu Haile Mariam per rafforzare l’identità nazionale in un Paese composto da troppe etnie non omogenee tra loro

1 2 3 18