Navigazione: genocidio

Burundi: la ribellione lancia l’avviso dell’offensiva finale L'Oprazione Ibipinga (Genocidio) sembra fallita sul nascere. Le forze ribelli, guidate dal CNR, loro entità politica, ostentano sicurezza sull'esito delle annunciate offensive militari previste per dicembre
di

Prematuro annunciare la fine del regime, ma Nkurunziza è in evidente difficoltà, ora anche l’alleato Tanzania gli blocca i rifornimenti di armi. L’offensiva finale annunciata è iniziata ieri

Papa Francesco lo sa: in Africa sta iniziando a soffiare il vento dello scisma Le radici sono in quanto in parte del clero della Regione dei Grandi Laghi è successo con l’ingresso in scena dell’ideologia HutuPower che ancora avvelena alcuni Paesi
di

Molti sono i vescovi e i cardinali africani che pensano che Francesco sia andato oltre il suo mandato e sia in odore di eresia. Parte del clero africano sta considerando l’idea di unirsi al clero conservatore statunitense

Francia: nuove testimonianze sulle responsabilità nel genocidio ruandese Secondo il generale canadese Romeo Dellaire, i militari francesi erano informati dei piani genocidari e li hanno incoraggiati
di

Le nuove testimonianze di questi ex militari francesi che parteciparono agli eventi, secondo gli osservatori rafforzano le accuse rivolte ai vari governi francesi e avvicinano sempre di più il momento in cui la Francia sarà chiamata a rispondere davanti ad un tribunale per crimini contro l’umanità e genocidio.

A Sud del Sudan: l’orizzonte della pace tradito. E l’Italia? Guerra perenne e riconfigurazioni territoriali. Prospettive di lettura, nell’ambito di un ‘ravvicinamento’ italiano ed europeo in grado di guardare al di là del passato coloniale
di

Non possiamo ignorare il fatto che la macro-regione del Corno d’Africa è indissolubilmente legata alla storia italiana. Per ciò che riguarda il Sudan e il Sud Sudan, Paese off-limits per le guerre e il lungo embargo subito, l’Italia è attiva con progetti di cooperazione allo sviluppo e di intervento umanitario. Si prospettano anche nuovi rapporti con le imprese italiane per il bisogno urgente di infrastrutture.