Navigazione: futuro

Giovani: pratici, realisti, fiduciosi … che guardano verso la Germania Svetlana Varlamova e Elena Kayshauri dell’Accademia delle Scienze di Russia, ci racconta l’idea di futuro dei giovani di Italia, Germania, Polonia, Russia: i giovani guardano con fiducia al domani e vogliano essere vincitori nella battaglia della vita
di

I giovani esprimono chiare esigenze, “riguardo al progetto europeo, spetterà ai principali attori di tale progetto trovare delle risposte adeguate”. Germania attrattiva, ma i giovani tedeschi non vedono grandi progressi in futuro per la Germania, diversamente dai giovani italiani, polacchi e russi, i quali ritengono che i loro Paesi avranno un grande progresso

‘World Economic Forum 2018’: insieme in un mondo frammentato Come creare un futuro condiviso in un mondo frammentato? Ne abbiamo parlato con Stefano Fait, consulente e analista di tendenze
di

Il via domani al World Economic Forum di Davos. Sono sotto gli occhi di tutti le varie fratture del nostro mondo, fratture che rischiano di dividere anziché unificare. E’ in questo contesto che si chiederà ai presenti di ragionare ed impegnarsi insieme per una narrativa futura condivisa.

Gattaca e l’era spaziale di massa
di

L’impatto principale si avrà nella distribuzione dell’energia e nel tenore di vita della popolazione e nella completa rielaborazione dei concetti di lavoro, pensione, tempo libero, denaro, investimenti, priorità esistenziali, educazione, ecc. Il secondo maggior impatto si avrà nella mobilità

Crisi demografica: è tutta colpa della povertà? Essere poveri vuol dire avere molte meno opzioni realistiche, molti meno futuri possibili
di

In realtà, si è calcolato che uno status socio-economico inferiore possa arrivare a ridurre l’attesa di vita di ben 2 anni e un mese. Peggio fanno solo fumatori, diabetici o chi conduce uno stile di vita sedentario. Chi è obeso o soffre di alta pressione se la cava molto meglio, in prospettiva. Essere poveri significa non potersi permettere cose come il cibo biologico, un’assicurazione adeguata, una buona istruzione.

La marea inarrestabile che ci spinge verso l’autoritarismo Cresce nell’opinione pubblica la convinzione che le democrazie abbiano fallito nel loro scopo di garantire benessere e coesione sociale, e che un certo grado di autoritarismo sia inevitabile
di

il futuro che ci attende sarà sicuramente meno democratico di oggi. Le democrazie, in sostanza, si sono rivelate troppo lente rispetto alla velocità dei cambiamenti: così lente da far temere che non siano in grado di vincere le sfide del futuro. «Le monarchie arabe stanno comunque compiendo passi da gigante nell’evolvere da realtà rette da clan feudali a tecnocrazie ibride rette dalla stabilità monarchica».

Qualità della vita: il futuro che ci costruiamo
di

“Il futuro sarà quello che noi come società decidiamo di avere, per questo la governance è importante ma anche gli individui singoli possono fare qualcosa”. “Così si capisce l’importanza di portare la gente a riflettere individualmente sulle decisioni da prendere perché ogni decisione che prendiamo ha degli effetti diversi”.

Automazione: non lasciamoci intimidire dalla libertà
di

Quando tutto sarà automatizzato i soldi saranno diventati superflui, cesseranno di avere una qualsiasi utilità, se non per i collezionisti. Nessuno può morire di fame in un mondo in cui le macchine si occupano di vitto, alloggio, distribuzione, produzione ed erogazione di energia.