Navigazione: energia

COP 24 di Katowice: nella tana delle lobby del carbone, che la finanzia I nomi dei principali sponsor privati dell’evento sono quelli delle grandi compagnie pubbliche di estrazione del carbone, protagoniste delle lobby europee impegnate a promuovere la loro ‘contro-agenda’
di

Le grandi compagnie carbonifere della Polonia saranno la principale portavoce dell’agenda dell’industria europea dei combustibili fossili, un’industria che, sebbene fortemente ridimensionata a livello europeo, continua ad avere un peso centrale, in particolare in Germania e nei Paesi dell’est Europa.

Cina: leader incontrastato dell’energia rinnovabile? Entro il 2023 la Cina guiderà la classifica dei paesi che più utilizzano energia rinnovabile: il report della IEA
di

«La storia della crescita del 21esimo secolo può sbloccare opportunità senza precedenti di un’economia inclusiva e sostenibile. I benefici dell’azione per il clima sono più grandi che mai, mentre i costi dell’inazione continuano a salire. E’ tempo di un decisivo passaggio a una nuova economia del clima». La Cina sembra averlo capito bene

Vietnam diventa primo partner commerciale della Cina nell’ASEAN Superata anche la Malaysia, Nazione dell’ASEAN a lungo tempo prima in classifica negli scambi bilaterali col colosso cinese
di

Nel mese di Giugno 2018 l’interscambio Cina-Vietnam ha raggiunto gli 11.2 bilioni, superando i 9.3 bilioni dell’interscambio tra Cina e Malaysia, che deteneva il titolo di maggior partner commerciale nell’alveo dei Paesi Membri ASEAN da svariati anni. Nella prima metà dell’anno corrente il commercio bilaterale è cresciuto del 28.8 per cento se lo si compara con lo stesso periodo dell’anno precedente, più in alto rispetto al 15,5 per cento del tasso di crescita raggiunto nel commercio bilaterale tra Cina e Malaysia

Italia – Turchia: ENI gas, un patrimonio italiano ed europeo «Nel Mediterraneo, gioca un ruolo di leadership che è funzionale agli interessi nazionali, ma anche europei»
di

In sostanza, nel bacino del Mediterraneo orientale – che comprende Libano, Egitto, Israele e Cipro – ENI è un player fondamentale soprattutto dopo la scoperta di Zohr. Anche a Cipro, dove ha investito tra i blocchi più importanti, ha fatto questa recente scoperta nel pozzo Calypso 1.

Vertice Unione Africana: il giorno dopo La collaborazione è la via maestra, tanto con l’UE, quanto con il resto del mondo. Il parere dei docenti Umberto Triulzi, Valeria Saggiomo e del ricercatore Bernardo Venturi
di

‘Soltanto una piccola parte dell’Europa istituzionale e delle istituzioni nazionali sono in grado di capire i problemi dell’Africa’. ‘Per combattere la corruzione serve un diffuso cambiamento di mentalità che può avvenire attraverso stimoli dall’alto’. ‘Basta alzare muri per arginare i problemi: bisogna cominciare ad elaborare politiche di cooperazione’

Emirati Arabi Uniti: le energie rinnovabili sono il futuro La diversificazione delle fonti energetiche e la lotta al cambiamento climatico
di

E’ stato approvato, in questi giorni, dal primo ministro degli Emirati Arabi Uniti ed emiro di Dubai, Sheikh Mohammed bin Rashid al Maktoum, il budget dell’Autorità per l’energia e le risorse idriche dell’emirato (DEWA).Si registra un aumento di 560 milioni di dollari passando dai 6,63 miliardi del bilancio 2017 ai 7,19 miliardi per il 2018, in cui confluiscono numerosi investimenti nelle fonti energetiche convenzionali e non, comprese le rinnovabili

Politica energetica e contesto africano. Focus sull’ENI Lo stato della transizione energetica italiana. ‘Presenza’ africana e responsabilità sociale di impresa. Ragioni di attualità della ‘formula Mattei’
di

Nel complesso, il conseguente calo dei prezzi avvenuto nel 2014 non sembra, tuttavia, avere inciso sull’economia mondiale. Minori investimenti e l’aumento costante della domanda avrebbero prodotto un «accorciamento del Mercato petrolifero» dalla fine del 2016.